Scuola di polizia 3 – Tutto da rifare/ Su Italia 1 il film con Steve Guttenberg e Bubba Smith, gli incassi e il successo della pellicola

Scuola di polizia 3 – Tutto da rifare, il film in onda su italia 1 oggi, domenica 7 agosto 2016. Nel cast: Steve Guttenberg e Bubba Smith, alla regia Jerry Paris. il dettaglio della trama

07.08.2016 - La Redazione
Foto-Mediaset_new
film

Scuola di polizia 3 – Tutto da rifare, è il film che andrà in onda su Italia 1 oggi, domenica 7 agosto 2016. La commedia del 1986 Police Academy 3: Back in Training prodotta negli Stati Uniti, vede Jerry Paris nel ruolo di regista, e quello di Gene Quintano nel ruolo di sceneggiatore. Musiche di Robert Folk e montaggio di Bud Molin, il film non è una prima televisiva essendo stato programmato più volte sui piccoli schermi televisivi, sia sui canali pubblici che su quelli via cavo, riscuotendo sempre un ottimo successo in termine di audience. Girata interamente in Canada la pellicola ha avuto un ottimo successo al botteghino facendo quadruplicare le spese di fabbricazione, e portando alle case di produzione un ottimo introito economico. Successivamente la contesa raccontata nel film, ha visto la sua apparizione sui piccoli schermi americani la serie animata molto fortunata in termine di audience ha visto la realizzazione di sessantacinque episodi tutti seguitissimi.

Scuola di polizia 3 – Tutto da rifare è il film in onda su Italia 1 oggi, domenica pomeriggio 2016 alle ore   19.35. La pellicola del 1986 è il secondo episodio della saga dell’accademia di polizia più pazza del mondo, il film sempre di produzione americana ha visto come casa di produzione l’importante Warner Bros unitamente alla Police Academy Productions, e ha visto la presenza nello staff di Steve Guttenberg e di Bubba Smith che interpretavano rispettivamente i poliziotti Mahoney e Hightower. Importante anche l’apporto di Jerry Paris nel ruolo di regista, a completare il cast David Graf, Michael Winslow. Ma ecco la trama del film nel dettaglio

La trama ripercorre la falsa riga degli episodi precedenti di scuola di polizia, un accademia che vede la presenza di reclute imbranate, ma simpatiche. In questo episodio lo spettatore assiste ad una competizione tra l’accademia dei nostri eroi e quella del subdolo Mauser. La competizione avrà lo scopo di decidere quale delle due scuole deve continuare a rimanere, aperta stante la mancanza di fondi economici disponibili per entrambe. Mauser inizialmente prova ad ingraziarsi le grazie del governatore, persona a cui spetterà la decisione ultima relativamente alla chiusura di una delle due scuole, la sua azione però sortisce una magra figura e lo convince ad “infiltrare” l’accademia di Lassard di due suoi adepti, Blankes e Copeland, lo scopo è quello di mettere in imbarazzo i concorrenti, e conquistare cosi la vittoria nell’importante competizione. Nella scuola principale intanto le vecchie reclute sono ormai diventati dei poliziotti navigati, ad essi spetta il compito di addestrare nuovi arrivati che vedono nella polizia l’ancora di salvezza. Si assiste cosi all’addestramento di un giovane giapponese, che fa parte di un accordo di scambio con la polizia nipponica, o del signor Sweetchuck che vuole cosi proteggersi autonomamente dalle continue rapine perpetrate nella sua attività commerciale. La competizione procede sul filo di lana, con la scuola di Lassard che deve fronteggiare oltre le prove imposte dal governatore, anche le continue “anomalie” che vengono escogitate da Blankes e Copeland allo scopo di creare nocumento. L’ultima prova è quella decisiva, durante il suo svolgimento una banda di rapinatori attacca l’accademia, la scuola rivale fallisce nel compito di protezione che gli era stato assegnato direttamente dal governatore, ma per fortuna di quest’ultimo interviene il gruppo capitanato da Lassard, Mahoney e Hightower che salvano la situazione, arrestando i rapinatori e recuperando il maltolto. I nostri eroi ristabiliscono l’ordine, e facendolo riescono a tenere aperta la loro accademia, una accademia che entra nella storia cinematografica con il successo che merita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori