Capitan Newman/ Su Rete 4 il film con Gregory Peck e Tony Curtis. Curiosità sul cast

- La Redazione

Capitan Newman, il film in onda su Rete 4 oggi, venerdì 9 settembre 2016. Nel cast: Gregory Peck e Angie Dickinson, alla regia David Miller. La trama del film nel dettaglio. 

Foto-Mediaset_new
film

È il film in onda su Rete 4 oggi, venerdì 9 settembre 2016. Una pellicola dal genere commedia e drammatica è stata affidata alla regia di David Miller che si è basato sul soggetto di Leo Rosten con la sceneggiatura di Richard L. Breen, Henry Ephron e Phoebe Ephron mentre il montaggio è stato effettuato da Alma Macrorie e gli effetti speciali realizzati da Walter Hammond. La fotografia è stata gestita da Russell Metty e le musiche della colonna sonora sono state scritte invece da Frank Skinner. La pellicola è stata prodotta in USA nel 1963 e la sua durata è pari a 126 minuti. Gregory Peck (1916-2003), è stato l’attore protagonista del film, vincitore del premio Oscar per aver interpretato l’avvocato Atticus Finch nel film Il buio oltre la siepe. Nel 1969 fu onorato dal Presidente Lyon B. Johnson con la Medaglia presidenziale della libertà per il suo contributo all’impegno umanitario, inoltre l’American Film Institute ha inserito l’attore al dodicesimo posto tra le più grandi star della storia del cinema. Accanto a lui ha recitato Tony Curtis, l’attore statunitense (1925-2010), tra i film da lui interpretati vanno ricordati: Doppio gioco, Francis il mulo parlante, La regina del tagliaborse, Il principe ladro, Il figlio di Alì Babà, Contrabbandieri a Macao, Cenere sotto le stelle, A qualcuno piace caldo, Due assi nella manica, Incontriamoci a Las Vegas e molti altri. 

È il film che verrà trasmesso su Rete 4 oggi, venerdì 9 settembre 2016 alle ore 16.00. Una pellicola del 1963, di genere drammatica e commedia che è stata diretta da David Miller. Tra gli attori presenti nella pellicola troviamo Gregory Peck, Angie Dickinson, Robert Duvall e Tony Curtis. Capitan Newman è stato distribuito in tutte le migliori sale cinematografiche esistenti all’epoca, e il film aveva riscosso un discreto successo. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

Il film è ambientato nel periodo della seconda guerra mondiale. In quel periodo c’era un conflitto molto violento in Europa, causato dalle invasioni delle Germania, guidata da Hitler nei confronti di paesi più piccoli come la Polonia e la Cecoslovacchia. Successivamente il conflitto diventò più violento a causa della scesa in campo in guerra di potenze come il Giappone e l’America. Gli Stati Uniti lottavano ed erano impegnati su molti fronti, in un conflitto più violento e sanguinario che mai, che causò milioni di vittime, e lasciato feriti molti soldati, che dovranno fare in conti con il dramma psicologico subito. Allora l’America aveva pensato bene di tutelarsi e dare una mano a questi soldati, che erano costretti ogni giorno a veder morire compagni sotto i propri occhi e assistere a stragi immani, dotando di postazioni attrezzate su tutto il territorio europeo, in grado di fornire del supporto mentale a chi ne aveva bisogno. Nella sezione di neuropsichiatria a capo della base militare di Camp Colfax c’erà il capitano Newman, che aveva il compito di assistere tutti i soldati con disturbi psicologici, nel minor tempo possibile e in maniera definitiva, anche perché c’era bisogno di tutti gli uomini per combattere e portare a termine la guerra. Il lavoro del capitano è molto duro e delicato, Newman deve valutare con attenzione uno per uno ogni soldato e decidere quale sarà la cura adatta per portarli ad una guarigione sicura e certa. Ma i superiori di Newman gli metteranno costantemente pressione, perché non volevano perdere tanto tempo, e non volevano altro che ottenere il foglio di idoneità dei soldati per poter farli tornare in campo di guerra a combattere. Seguiranno molti scontri tra Newman e i suoi superiori, perché non aveva minimamente intenzione di rimandare in guerra soldati ancora non idonei, perché pensava che era come mandarli a morire visto le loro critiche condizioni psichiche. Il capitano, pur di tutelare i suoi pazienti soldati, si metterà letteralmente contro i suoi superiori, e non mollerà per un attimo la presa, riuscendo comunque a guarire definitivamente diversi soldati, andando sempre per la sua strada e seguendo i suoi pensieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori