LO HOBBIT – LA BATTAGLIA DELLE CINQUE ARMATE Su Tv8 il film con Martin Freeman diretto da Peter Jackson: curiosità sul regista

- La Redazione

Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate, il film in onda su Tv8 oggi, lunedì 30 gennaio 2017. Nel cast: Martin Freeman e Richard Armitage, alla regia Peter Jackson. Il dettaglio.

tv8_R439_new
film prima serata

Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate è il film che andrà in onda su Tv8 oggi, lunedì 30 gennaio 2017, in prima serata. Fantastico, avventura ed epico sono i generi che caratterizzano la pellicola diretta da Peter Jackson con il soggetto tratto dal romanzo di J. R. R. Tolkien e la sceneggiatura estesa dallo stesso regista con Farn Walsh, Philippa Boyens e Guillermo del Toro. La pellicola è stata realizzata in Nuova Zelanda e in USA nel 2014 con la durata nella versione integrale di 144 minuti. Peter Jackson, il regista di tutta la saga de Il Signore degli Anelli e de Lo Hobbit, è di origini australiane. Nella nativa Australia, prima di approdare a Hollywood, ha esordito con film horror splatter estremi e demenziali come Bad Taste – Fuori di testa e Splatters – Gli schizza cervelli. Per quest’ultimo, considerato un cult dagli amanti del genere, Jackson ha utilizzato addirittura 500 litri di sangue finto. Bad Taste, per quanto eccessivo e sopra le righe, si guadagnò una proiezione al Festival di Cannes e quindi una discreta distribuzione internazionale.

Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate, il film in onda su Tv8 oggi, lunedì 30 gennaio 2017 alle ore 21:15. Una pellicola dal genere fantasy del 2014 che è stata diretta da Peter Jackson (King Kong, la trilogia de Il Signore degli Anelli, Splatters – Gli schizzacervelli) ed interpretato da Martin Freeman (Captain America – Civil War, L’alba dei morti dementi, Guida galattica per autostoppisti), Richard Armitage (Nord e Sud, Into the storm, Captain America – Il primo vendicatore) e Ian McKellen (X-Men, la trilogia de Il Signore degli Anelli, Il codice Da Vinci). Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate è il capitolo finale della trilogia di Peter Jackson che rappresenta la trasposizione cinematografica del libro Lo Hobbit, prequel de Il Signore degli Anelli. Se il capolavoro di Tolkien era però un poderoso volume che necessitava di ben 3 film per essere adattato a lungometraggio, Lo Hobbit è un romanzo tutto sommato breve, e Peter Jackson ha dovuto lavorare per espanderne la trama e dare spazio ad eventi appena accennati nel libro per riuscire a trarne 3 film per un totale di 6 ore abbondanti di pellicola. J.R.R. Tolkien è stato probabilmente il più influente autore fantasy della storia. I suoi romanzi Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, soprattutto, hanno avuto un grandissimo successo planetario e sono considerate le basi della fantasy moderna. A queste due opere si è aggiunto poi Il Silmarillion, pubblicato postumo dal figlio Christopher. Il Silmarillion non è un romanzo ma una raccolta di racconti, miti e leggende della Terra di Mezzo. Ma ecco in breve la trama del film.

Il film riprende esattamente dove si era fermato il precedente capitolo della trilogia, Lo Hobbit – La desolazione di Smaug. Il drago Smaug, infuriato a causa dell’attacco di Thorin Scudodiquercia (Richard Armitage), distrugge la cittadina di Pontelagolungo, dove si trovano anche Bilbo (Martin Freeman) e glli altri nani. Bilbo si trova ora in possesso dell’Arkengemma, un prezioso tesoro che ha sottratto, di nascosto da tutti, proprio a Smaug. Il drago viene però sconfitto, e il tesoro che proteggeva nel cuore della montagna rimane finalmente accessibile. Il nano Thorin vuole tenere l’oro per sè, ma gli eserciti degli uomini e degli elfi stanno per entrare in conflitto proprio per decidere chi potrà possedere l’ambito e ricchissimo tesoro. Coinvolto suo malgrado nel conflitto, Bilbo deve decidere come usare il potere dell’Arkengemma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori