QUINTA COLONNA/ Anticipazioni puntata 23 ottobre: il referendum in Lombardia e Veneto, il caso Weinstein

- La Redazione

Quinta colonna va in onda oggi, lunedì 23 ottobre, alle 21.15 su Rete 4. Nella puntata condotta da Paolo Del Debbio si parlerà del referendum e del caso Weinstein.

paolo_del_debbio-quinta_colonna
Paolo Del Debbio conduce Quinta Colonna

Questa sera, lunedì 23 ottobre 2017, alle 21.15 su Rete 4 va in onda un nuovo appuntamento con Quinta Colonna, il programma condotto da Paolo Del Debbio. Il programma dedicherà ampio spazio al referendum per l’autonomia in Lombardia e Veneto. In Veneto l’affluenza alle urne ha sfiorato il 60%: “Siamo al big bang delle riforme istituzionali e noi saremo protagonisti. I veneti vogliono essere padroni a casa loro. Le riforme che in questi anni non sono state fatte dall’alto lo saranno dietro la spinta del popolo”, ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia. Risultato più “tiepido” in Lombardia: a votare è stato il 40% e a dire “sì” è stato oltre il 95% dei votanti, solo il 3% ha detto no. “Punto ad avere 24-25 miliardi di euro in più che mi consentirebbero di fare ciò che in questo momento non possiamo fare”, ha detto Roberto Maroni, soddisfatto anche del voto elettronico che non ha subito attacchi hacker.

IL CASO WEINSTEIN

Nella seconda parte della puntata di Quinta Colonna, dalle 22.00 a mezzanotte, ci sarà un collegamento dal Grande Albergo Abruzzo di Chieti con Salvatore Marino, che prenderà parte al dibattito sulla violenza di genere e in particolare sul caso delle molestie sessuali subite da alcune attrici dal produttore americano Weinstein. Marino, presidente dell’associazione Maschio 100%, interverrà in diretta a difesa di Weinstein. Sul caso Weinstein negli ultimi giorni si è espresso anche il regista Quentin Tarantino: “Sapevo abbastanza da fare di più di ciò che ho fatto. Non erano cose riferite. Sapevo di almeno un paio di questi episodi direttamente. Avrei voluto prendermi la responsabilità di quanto avevo saputo e se lo avessi fatto avrei dovuto smettere di lavorare con lui”, ha detto al New York Times.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori