KEVIN SORBO/ L’attore di Hercules choc: “Fui molestato da Gianni Versace”

- Emanuela Longo

Kevin Sorbo, l’attore di Hercules rivela di essere stato vittima di molestie sessuali da parte dello stilista italiano Gianni Versace: la confessione choc.

kevin_sorbo_wikipedia
Kevin Sorbo (Wikipedia)

Le denunce da parte di numerose attrici contro il produttore hollywoodiano Harvey Weinstein hanno portato molti volti noti dello spettacolo a trovare il coraggio per confessare le molestie sessuali subite nel corso della loro carriera. Sono numerosi gli uomini di potere che si sarebbero trovati nella condizione di poter abusare di donne e uomini celebri con la promessa di una lunga e duratura carriera. Condizione, questa, che non avrebbe riguardato unicamente il mondo del cinema. L’ultima confessione-denuncia destinata a fare molto discutere è quella avanzata dall’attore Kevin Sorbo, noto per il ruolo di Hercules ricoperto nella omonima e popolare serie televisiva. Le molestie a suo carico sarebbero avvenute negli Anni ’90 e vedrebbero coinvolto un nome celebre a livello mondiale: Gianni Versace. All’epoca dei fatti narrati, Sorbo lavorava come modello, dunque aveva avuto modo di avere contatti proprio con il noto stilista italiano morto a Miami nel 1997. A riportare le confessioni dell’attore è Hollywood Report, che riprende il racconto di Sorbo durante una conversazione radiofonica con Adam Carolla e relativa al discusso caso Weinstein: “Anch’io ho la mia storia di molestia sessuale”, ha rivelato a sorpresa l’attore di Hercules lasciando tutti interdetti.

LE AVANCES DELLO STILISTA

Una confessione simile è di per sé molto importante, ancor di più se vedrebbe come protagonista un personaggio del calibro di Gianni Versace. In quegli anni, Kevin Sorbo lavorava in Italia come modello e fu contattato dallo stilista per via della sua altezza, intento a farlo sfilare con modelle altissime. Fu quindi ospite di una cena durante la quale fece la conoscenza di nomi del calibro di Sophia Loren, Luciano Pavarotti, Richard Gere ma quella non fu la sola occasione. Una sera però, si ritrovò da solo con Versace, sempre più intenzionato a volerlo come testimonial del suo marchio. Da qui parte il racconto dell’attore: “All’improvviso, la sua mano salì per la mia gamba. ‘Non sai che sono etero?’ gli dissi. E lui rispose: ’E’ il motivo per cui mi piaci. Non sei un uomo femminile. Sei un vero uomo”. A detta di Sorbo, Gianni Versace gli fece una confidenza molto forte: “Nella vita devi fot***e tutto. Devi fare il cane, il gatto, il ragazzo e la ragazza”, gli avrebbe detto. Ma lo stile di vita dell’allora modello era molto distante da quello dello stilista nonostante l’intento di quest’ultimo di “creare un ponte tra i due”. Le cose però, secondo la confessione di Sorbo, andarono diversamente: “Il ponte non fu mai costruito e io non ottenni il lavoro. Però avevo avuto quattro cene gratis”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori