CELEBRATION, RAI 1 / Ospiti e diretta, terza puntata: Luca Barbarossa e la grande canzone romana (28 ottobre)

- Stella Dibenedetto

Celebration: Neri Marcorè e Serena Rossi conducono il nuovo show di Raiuno dedicato alla musica. Alex Del Piero, Lino Banfi ed Emilio Solfrizzi tra gi ospiti.

celebration2017
Celebration

CELEBRATION, DIRETTA TERZA PUNTATA

Alex Britti si fa vivo solo a fine puntata. Lo fa per cantare Oggi sono io, successo prestato a Mina in occasione dell’uscita della sua Platinum Collection 2. Ultimo ospite: Luca Barbarossa. “Perché canti sempre canzoni che parlano di Roma?”, chiede Marcoré. Botta e risposta: “Ma m’hai invitato per criticamme?”. “No, dico solo che Roma è un tema ricorrente nelle tue canzoni…”. “È la mia città”, si giustifica Barbarossa. Poi cantano La società dei magnaccioni: è senza dubbio il momento più alto della serata, inclusa l’educata traduzione di Marcorè. Ritorno di Arisa sulle note di Total Eclipse Of The Heart. Ecco qual è il suo problema: l’inflazione. Dopo la pubblicità, Serena, Neri ed Ernesto anticipano il tema della prossima puntata: canzoni d’amore. [agg. di Rossella Pastore]

LE VOCI “PARTICOLARI”

La Molinari è brava, ma stasera non brilla. La sua versione di My Way non convince per niente. Ennesimo medley per Serena e Neri, a degna conclusione di una serata all’insegna del risparmio. Ebbene, la Rossi sarà pure una tuttofare, ma è mediocre in qualsiasi ambito. Non che la sua Freedom sia carente in tecnica: la Rossi è semplicemente poco personale, noiosa. Torna puntuale Ron. La soglia di due brani non era ancora stata esaurita, e per questo si esibisce in Father And Son. “Certamente Cat Stevens non aveva una gran voce, eppure era particolare”. Personale, appunto. La stessa definizione è applicabile ad artisti come Lucio Battisti o, meglio ancora, Fabrizio De André. E chi canterà mai, Don Raffaè? Ma Neri Marcorè, neanche a dirlo. La sua è un’interpretazione quasi caricaturale, patetica. [agg. di Rossella Pastore]

EMILIO SOLFRIZZI

“Ma tu sei un grande appassionato di musica!”, insiste Serena con Alex. Beh, se Despacito è musica… “Due giorni fa sono stato alla presentazione del nuovo singolo di Luis Fonsi”. Quest’intervista mette al centro gli intervistatori, più che l’intervistato. E non solo perché Del Piero si presta poco. “Io sono del Napoli, mio marito tifa Juve e abbiamo chiamato nostro figlio Diego”. Questione di importanza nazionale, si direbbe. Poi precisa: “Il calcio cambia le vite”. Ecco dove voleva andare a parare… Nuovo salto indietro nel tempo, con il Principe dello Swing Natolino Otto. Prevedibilmente, è Simona Molinari a interpretare Perduto amore. Di nuovo Assante: “Questa è una bella trasmissione, tanto allegra… però sento la necessità di cambiare. C’è bisogno di parlare di temi sociali”. Sicuro sia la sede adatta? In ogni caso, Marcorè accoglie la richiesta: “Un pianoforte ha tasti bianchi e tasti neri. È la metafora perfetta dell’integrazione”. Non è un caso che con Emilio Solfrizzi canti proprio Ebony And Ivory. [agg. di Rossella Pastore]

SORPRESA

Bella la digressione storica riferita a Un’ora sola ti vorrei. “Erano gli anni Trenta, e la Censura pensò che quella frase fosse rivolta al Duce”. La frase, per inciso, era “unora sola ti vorrei/per dirti quello che non sai”. La cover reca la firma di Fausto Leali e Michele Zarrillo: “E dopo questa, possiamo anche andare a vivere insieme”. In effetti, è alquanto singolare la scelta di farla cantare a due uomini in duetto. Assante parla di calcio e canzoni, prima dell’annunciata sorpresa ad Alex Del Piero. La sorpresa in questione non è altro che un’intervista che con la musica c’entra poco. Del Piero rievoca alcuni dei momenti salienti della sua carriera calcistica, incalzato dalle domandone di Rossi e Marcorè. “Cosa hai pensato prima di calciare quel rigore?”. “Mah, a niente di particolare…”, replica sarcastico l’intervistato. Eloquente la sintesi finale: “Sono passato dallo stadio allo studio”. [agg. di Rossella Pastore]

LE COVER DI NERI E SERENA

Ancora un’autocelebrazione. Questa volta tocca a Ron, con la sua Città per cantare. “Sto cantando anch’io”, fa sapere Del Piero, “Nel dietro le quinte, per vostra fortuna”. Viene da chiedersi allora quale sia il senso della sua ospitata. Chi proprio non si risparmia è Neri Marcorè: questa volta tocca a un’arditissima cover di Can’t Help Falling In Love. Per tutta risposta, Serena Rossi intona I Wanna Dance With Somebody. Che balli, allora, e lasci stare il microfono. E – perché no? – quel Somebody potrebbe essere proprio Marcorè. Ernesto Assante ricorda la possibilità di webvotare per il proprio beniamino. Sarà per questi continui rimandi che il programma ha tanto successo sui social. Dopo il breve riepilogo opzioni, Serena e Neri annunciano una “sorpresona” per Del Piero. “Vedrete, ma dopo la pubblicità”. [agg. di Rossella Pastore]

FIGURINE

Cover di se stesso, per lo sleale Leali. D’altra parte, se loro lo annoverano tra le Grandi Voci… Solita Arisa sulle note di Cuore. Non meno soporifera l’esibizione di Michele “Acuto” Zarrillo, che esaspera una Quando già abbastanza melò. Torna Del Piero: “Tu hai mai dedicato un goal ai tuoi cari?”. “Solitamente tiravo fuori la lingua”. Il pretesto è quello della cover di Isn’t She Lovely di Serena Rossi (tanto per cambiare). Primo spiegone di Ernesto Assante, interrotto da un quanto mai fastidioso Neri Marcorè. Ebbene, il conduttore e Del Piero si scambiano le figurine mentre il Maestro parla. A questo punto, Assante si interrompe, e Marcorè inizia a starci antipatico sul serio. Divertente il siparietto immediatamente successivo: Leali torna in scena per cantare (o meglio, urlare) This Is A Man’s World, ma il maestro d’orchestra pare essersi assopito. Bene anche Banfi e la sua inedita versione di Svalutation… o era Celebration? [agg. di Rossella Pastore]

LA COPPIA PIÙ BELLA

Al via la terza puntata di Celebration. “Per emulare le grandi voci non servono cantanti grandi, ma grandi cantanti”. Ma come, Marcorè, sbagli così, subito? In effetti le premesse non sono delle migliori: “emulare” non è proprio il verbo adatto. Inevitabile il riferimento al collega Frizzi e alle sue recenti disavventure ospedaliere: “Rimettiti presto, abbiamo ancora tante canzoni da cantare…”. Non che Frizzi sia mai stato un gran cantante, ma ci uniamo all’augurio. I conduttori passano la palla a Ernesto Assante che, di rimbalzo, dà il la a Mina e Celentano. O alle loro copie (in)conformi. Rossi e Marcorè intonano una poco convincente Coppia più bella del mondo. Mina terza incomoda, insomma. Si passa agli ospiti. E che ospiti: Alex Del Piero e Lino Banfi. Il primo fa lo gnorri quando gli viene chiesto di cantare: “Come, scusa? Non sento bene”. Ma non era Banfi, quello con problemi di udito? [agg. di Rossella Pastore]

IL VARIETÀ CHE PIACE ALLA RETE

Torna Celebration, il varietà imberbe del sabato sera condotto da Serena Rossi e Neri Marcorè. La colonna sonora della terza puntata è firmata da non meglio specificate Grandi Voci. Poco importa l’identità di genere… musicale; quel che conta è che l’ugola rispetti certi standard. Quando si parla di Grandi Voci di casa nostra, il pensiero volge a Mina e Domenico Modugno. Quanto alle Big Voices d’importazione, Frank Sinatra ed Elvis Presley meritano senza dubbio un posto nell’olimpo. Il compito affidato agli ospiti è dei più ardui: non solo dovranno interpretare alcuni tra i più grandi successi della musica italiana e internazionale, ma è richiesta anche una certa attitudine all’originalità. Perché la regola non scritta di Celebration vieta categoricamente l’emulazione… a meno che non si voglia scadere in altro genere di show (vd. Tale e Quale). Celebration l’ha già fatto ampiamente nei giorni scorsi, evitando accuratamente di copiare il tratto più meritorio del gemello del venerdì: gli ascolti. L’esordio di Rossi e Marcorè si è rivelato un flop in piena regola. Clemente solo il popolo del web: «Quelli di #celebrationrai sono più bravi della concorrenza»; «Apprezziamo moltissimo la volontà di discostarsi dalle solite trasmissioni ammazza-neuroni che ci propina Mediaset»; «Grandi canzoni, niente pettegolezzi, niente stupidaggini, niente pubblicità occulta, niente volgarità. Scusate se è poco». [agg. di Rossella Pastore]

ZARRILLO E LEALI

Rai1 riapre le sue porte alla musica di Celebration che questa sera andrà alla ricerca delle grandi voci che hanno fatto la storia. Come sempre sono tanti gli ospiti del programma e a quelli che ormai abbiamo visto e sentito nelle prime due settimane, si aggiungeranno anche gli altri a cominciare da Michele Zarrillo. Sarà lui a salire sul palco mentre sui social, proprio poco fa, ha annunciato sorpresa importanti compreso un mitico duetto con un altro ospite di questa puntata. Di chi parliamo? Questa volta non si tratta di Serena Rossi o di un’altra interprete donna ma addirittura di Fausto Leali. Lo stesso Zarrillo ha scritto: “Vi ricordo che stasera sarò ospite del programma “CELEBRATION” in onda su RAI1 in prima serata….Ci saranno delle, spero, piacevoli sorprese…!! Anche un duetto con il grande Fausto Leali. VI ASPETTO…!!! BUON FINE SETTIMANA A TUTTI. Michele”. Quale sarà il brano che riuscirà a mettere due protagonisti della storia della musica italiana sullo stesso palco? Questo ancora non lo sappiamo ma per leggere il post di Zarrillo potete cliccare qui. (Hedda Hopper)

ERNESTO ASSANTE

Sabato 28 ottobre, alle 21.25 su Raiuno, va in onda la terza serata di Celebration. In diretta dall’Auditorium del Foro Italico, Serena Rossi e Neri Marcorè conducono una nuova puntata dello show dedicato alla musica. Ogni settimana, sul palco di Celebration, arrivano i big della musica italiana che interpretano a modo loro le più grandi hit di tutti i tempi. Nel corso della serata, poi, interviene Ernesto Assante che racconta aneddoti e storie importanti sulla musica italiana e internazionale. L’orchestra che accompagna dal vivo gli artisti è diretta dal maestro Adriano Pennino. La scenografia che ricorda lo stile Broadway è realizzata da Gennaro Amendola mentre le coreografie sono firmate da Laccio. Dopo la serata dedicata ai re del pop e alla musica rock, questa sera, Serena Rossi, Neri Marcorè e i loro ospiti omaggeranno le grandi voci della musica italiana. Nonostante sia stato presentato come uno show innovativo, ideato sullo stile del vecchio varietà, finora, Celebration è un flop per Raiuno. Il programma, infatti, ha perso la sfida degli ascolti con Tu sì que vales e l’unica nota positiva, a detta anche dei critici, è la presenza di Serena Rossi, sempre più brava come attrice, conduttrice e cantante. La terza serata di Celebration riuscirà a fare meglio delle precedenti?

TUTTI GLI OSPITI

Come nelle precedenti serate, anche la terza puntata di Celebration sarà ricca di ospiti. Per celebrare “le grandi voci” che, negli anni, hanno saputo regalare grandi emozioni arriveranno Arisa, Luca Barbarossa, Alex Britti, Fausto Leali, Simona Molinari, Ron, Michele Zarrillo ed Emilio Solfrizzi. Super ospiti della serata Lino Banfi e AIex Del Piero. L’ex campione della Juventus, ancora molto amato, dai grandi e dai piccoli, si racconterà parlando delle stagioni più significative vissute durante la sua carriera calcistica. Tra le hit che verranno interpretate dagli ospiti della serata ci saranno brani di Frank Sinatra, EIvis Presley, ma anche le hit dei grandi artisti italiani come Pino Daniele, Mina, Adriano Celentano e Domenico Modugno. Durante il viaggio, il pubblico di Raiuno potrà rivivere le emozioni vissute nel passato con quelle che sono diventate, nel corso degli anni, delle hit amatissime e intramontabili. Come sempre, ad affiancare i big della musica ci sarà soprattutto Serena Rossi, pronta a cantare e ballare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori