BULL/ Anticipazioni del 29 ottobre 2017: Benny sotto accusa per omicidio!

- Morgan K. Barraco

Bull, anticipazioni del 29 ottobre 2017, in prima Tv assoluta su Rai 2. Lo psicologo dovrà difendere questa volta il suo braccio destro da alcune accuse infamanti. 

bull_facebook_2017
Bull 2, in prima tv assoluta su Rai 2

BULL, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI 

Nella seconda serata di oggi, domenica 29 ottobre 2017, Rai 2 trasmetterà un nuovo episodio di Bull, in prima Tv assoluta. Sarà il 21°, dal titolo “Come schivare una pallottola”. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana precedente: durante una partita al campo da golf, Troy (Brendan Dooling) entra in ipnosi grazie ad un messaggio registrato ed uccide il padre colpendolo diverse volte con una delle sue mazze. Tempo dopo, la dottoressa Levin (Meryl Jones Williams) chiede a Bull (Michael Weatherly) di aiutarla con il paziente, di cui si occupa da qualche tempo e che ipotizza possa essere stato condizionato perché diventasse un omicida. La squadra non è d’accordo nell’assumere il caso, ma lo psicologo conclude dopo una visita che la mente di Troy è stata compromessa ed intende far ottenere al giovane imputato la semi infermità mentale, per riuscire a salvarlo. Benny (Freddy Rodríguez) si propone per assumere la difesa del ragazzo durante il dibattimento in aula, ma Bull non è ancora sicuro che sia tornato quello di un tempo, dato che la recente indagine ha compromesso il suo equilibrio. Mentre lo psicologo e Marissa (Geneva Carr) analizzano i diversi giurati su cui fare leva, Danny (Jaime Lee Kirchner) e Chunk (Chris Jackson) entrano in contatto con Thornton Grey (James McCaffrey), uno specialista dell’ipnosi. Chunk riesce in pochi attimi ad entrare nelle grazie del titolare del corso ed a partecipare ad una dimostrazione dal vivo. Dopo aver parlato con Troy ed ottenute le informazioni sulla Lumancic, Bull conclude che quel giorno Troy avrebbe dovuto uccidere Thornton e non il padre. Risulta infatti che in quell’ora si sarebbe dovuto trovare in compagnia del mentore, ma Chunck non è convinto che il leader della sette sia realmente un truffatore e decide di incontrarlo di nuovo contro il parere dello psicologo. Nel frattempo, Benny parla con la dottoressa Levin e le confida di essere preoccupato dal fatto che il leader del team non creda più nelle sue capacità. La psicanalista gli rivela così di essere stata contattata da Bull perché inizino una terapia, riuscendo ad alimentare la rabbia dell’avvocato. Quest’ultimo decide di ammettere il proprio errore con Bull, sottolineando di aver sbagliato ad aver avuto un incontro amoroso con la cliente del caso precedente, ma lo psicologo crede che il problema sia a monte di questa sua scelta. Analizzando la scena del crimine, Bull intuisce che Rachel sia la vera responsabile e che abbia attivato la mente di Troy grazie ad una telefonata sul suo cellulare. L’avvocato difensore impone infatti alla donna di chiamare il telefono dell’imputato, riuscendo a dimostrare in aula che il comportamento di Troy è stato condizionato dalle tecniche ipnotiche di Rachel. Ottenuta la vittoria in tribunale, Benny decide di rivelare la verità a Bull riguardo all’inchiesta dei federali che lo riguarda e del fatto di aver incriminato un innocente per un delitto che non aveva commesso.

ANTICIPAZIONI PUNTATA DEL 29 OTTOBRE 2017, EPISODIO 21 “COME SCHIVARE UNA PALLOTTOLA 

Benny decide di invitare Bull a pranzo per cercare di recuperare il loro rapporto ed accorciare le recenti distanze, ma dovrà fare i conti con una forte delusione. Anche se il suo ex capo sottolineerà di essere lì come amico, Benny si ritroverà infatti circondato in poco tempo da decine di agenti dell’FBI. Gli ex colleghi dell’avvocato hanno deciso infatti di arrestarlo per aver manomesso le prove in un caso, nonostante Benny affermi di essere innocente. Bull si ritroverà quindi a difendere il proprio collaboratore più stretto dalle false accuse, sicuro che le prove a suo carico siano state contaminate dal vero responsabile. Benny inizierà quindi ad andare a ritroso e ad analizzare ogni persona che ha incontrato nel precedente lavoro alla ricerca della verità.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori