QUARTO GRADO/ Anticipazioni 6 ottobre: Lorys Stival e Noemi Durini i casi di stasera

- Emanuela Longo

Quarto Grado, anticipazioni e casi di venerdì 6 ottobre 2017: Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero parlano dei gialli di Lorys Stival e Noemi Durini, tutte le info.

Viero_Nuzzi_Quarto_Grado_retiinrere_2017
Viero e Nuzzi, conduttori di Quarto Grado

Nel prime time del venerdì di Rete 4 torna puntuale l’appuntamento con la trasmissione Quarto Grado, condotta da Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero. I due padroni di casa, come di consueto saranno pronti ad informare i telespettatori sui retroscena e gli sviluppi dei principali casi di cronaca nel momento. Ancora riflettori accesi sul delitto del piccolo Lorys Stival, della cui uccisione è già stata condannata la giovane madre Veronica Panarello a 30 anni di reclusione in primo grado. Un ulteriore approfondimento sarà poi riservato al caso del momento, quello della giovane Noemi Durini, la 16enne di Specchia, in provincia di Lecce, massacrata dal fidanzatino 17enne reo confesso. Due casi avvenuti nel Sud Italia con vittime due minori ma che vedono una sostanziale differenza: nel primo la presunta assassina continua a respingere le accuse e ad attribuire le responsabilità al nonno paterno del figlioletto ucciso. Nel secondo, invece, il 17enne avrebbe confessato il delitto della ragazza ma forse le sue dichiarazioni non bastano poiché potrebbe celarsi l’ombra di un complice. L’appuntamento con la nuova puntata di Quarto Grado è fissato alle ore 21:15 circa e come sempre andrà in onda in diretta, con collegamenti e diversi ospiti in studio pronti a commentare i casi della serata.

QUARTO GRADO, ANTICIPAZIONI: I CASI DELLA SERATA

Dopo la scorsa settimana anche questo venerdì i riflettori continueranno ad essere accesi sul caso di Lorys Stival, il bimbo di Santa Croce Camerina ucciso il 29 novembre 2014 mentre si trovava in casa. Per l’accusa non ci sarebbero dubbi: a strangolarlo con delle fascette di plastica da elettricista e poi occultarne il corpo sarebbe stata la giovane madre Veronica Panarello. Il processo d’Appello a Catania è già iniziato e nell’ultimo appuntamento in aula la Corte ha rigettato la richiesta che era stata avanzata dalla difesa della donna, rappresentata dall’avvocato Francesco Villardita. Il suo legale, dopo aver accolto le motivazioni della sentenza di condanna a 30 anni a carico della sua assistita, al termine del primo grado, aveva presentato subito appello ed in quell’occasione aveva chiesto la riapertura del processo con una nuova perizia psichiatrica a carico dell’imputata ed un confronto all’americana con il suocero Andrea Stival, da sempre accusato da Veronica di essere il vero assassino del figlio primogenito. Richieste entrambe rigettate nei giorni scorsi. Intanto al prossimo 28 novembre è fissata la nuova udienza del processo di secondo grado nel corso della quale ascolteremo la requisitoria del procuratore e del pm, in attesa di scoprire le successive mosse della difesa della Panarello. Il secondo principale caso della serata sarà rappresentato dal delitto di Noemi Durini, la 16enne salentina scomparsa lo scorso 3 settembre e rinvenuta cadavere dieci giorni più tardi. Accusato del suo omicidio, il giovane fidanzatino 17enne, Lucio M., attualmente in un carcere in Sardegna e per il quale è stata chiesta una perizia psichiatrica per valutare la sua reale capacità di intendere e di volere. Gli spettatori di Quarto Grado potranno come sempre intervenire con le loro segnalazioni attraverso il centralone e il Messenger Facebook ufficiale della trasmissione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori