Tania Cagnotto e papà Giorgio/ Il nome della bambina (Che tempo che fa)

- Morgan K. Barraco

Tania Cagnotto, insieme a suo padre Giorgio, sarà ospite della puntata di Che tempo che fa in onda questa sera su Rai 1. In tanti sperano in suo ritorno alle competizioni

tania_cagnotto
Tania Cagnotto

L’INTERVISTA

Tania Cagnotto e papà Giorgio fanno la loro entrata in scena. La Cagnotto sfoggia un vistoso pancione: “Non c’è pericolo, vero?”, si preoccupa Fazio. “No, sono al settimo mese”, assicura lei. Al tavolo si parla di nomi: “E tu, Tania? Come la chiamerai?”. “Non ho ancora deciso. O meglio… preferisco tenerlo per me”. L’attenzione si sposta su Mara Maionchi e le sue lacrime sul viso. La colonna sonora della clip è proprio il celebre brano di Bobby Solo: “Non so cosa mi prenda, a volte. Sarà la forza di certi racconti, vedi quello di Rita Bellanza”. Orietta Berti le ruba la scena, con un commento impertinente sul suo compagno di banco: “Múñiz è più bello senza barba. Perché non la tagli, Sergio?”. Commento a dir poco estemporaneo. Si torna seri, con la famiglia Cagnotto: “Avervi qui in studio è un vero onore”. Tania e Giorgio raccontano la loro esperienza congiunta a bordo piscina: “A volte si litiga, ma è sempre bello lavorare insieme”. Salemme interviene: “Perché litigate? Lei si tuffa dopo mangiato?”. [agg. di Rossella Pastore]

UNA FAMIGLIA DI CAMPIONI

L’uscita di scena dal mondo dello sport di Tania Cagnotto ha colpito duramente tutti gli appassionati di tuffi e gli ammiratori della celebre campionessa. A distanza di pochi mesi dal suo ritiro, avvenuto nel maggio scorso, l’atleta ha tuttavia parlato della possibilità di poter riprendere l’attività agonistica durante un’intervista a La Stampa. Quella porta che sembrava chiusa con forza, è apparsa in seguito ancora aperta, anche solo di uno spiraglio. La decisione della Cagnotto è comunque rinviata alla nascita del figlio, prevista per fine gennaio. Tania Cagnotto sarà presente a Che tempo che fa questa sera proprio per parlare dei suoi tanti successi e dei progetti futuri. La vedremo al fianco di papà Giorgio, a sua volta campione e allenatore personale della sportiva. È al genitore infatti che Tania deve le proprie abilità e la passione nata per il nuoto e i tuffi. La sua carriera ha ricalcato a tutti gli effetti quelli del padre, che l’ha sostenuta fino alla vittoria della medaglia alle Olimpiadi del 2016, l’ultimo riconoscimento conquistato dalla campionessa. 

TANIA CAGNOTTO, IL RAPPORTO CON IL PAPA’ GIORGIO

Tania Cagnotto viene considerata a tutti gli effetti una figlia d’arte, visto che il papa’ Giorgio ha vinto diversi premi negli anni ’70, sia a livello europeo che mondiale. Un destino che ha unito la famiglia Cagnotto a doppia mandata, dato che anche Carmen Castainer, la madre della campionessa, è stata una delle tuffatrici più in vista del panorama sportivo italiano. In occasione della vittoria di tre medaglie d’oro di Tania agli Europei di Rostock, il padre Giorgio ha rilasciato un’intervista a Famiglia Cristiana in cui ha riservato diversi elogi alla figlia. Impossibile infatti per un padre sportivo e a sua volta campione non provare un forte orgoglio per i traguardi raggiunti dalla sportiva e di essere rimasto stupito della sua abilità nel correggere un movimento sbagliato compiuto durante il tuffo rovesciato a Rostock. “Solo chi è davvero padrone può controllare un momento simile”, aveva sottolineato con orgoglio e sorpresa. Nel suo intervento, Giorgio Cagnotto non ha nascosto nemmeno di vedere nella figlia una professionalità maggiore di quanto abbia dimostrato lui stesso nelle gare. Per sua stessa ammissione era davvero bravo a rovinare tutto all’ultimo tuffo, mentre Tania “è più professionista, di ‘cagnottate’ ne ha fatte poche”. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori