Alba Parietti/ “Sono filopapista: l’unico che fa una politica per gli ultimi è il Pontefice” (La Confessione)

Nel nuovo appuntamento con La Confessione, il programma ideato e condotto da Peter Gomez sul Nove, la protagonista sarà la soubrette e showgirl Alba Parietti con le sue rivelazioni

alba_parietti_instagram
Alba Parietti

ALBA PARIETTI A “LA CONFESSIONE”

Nel nuovo appuntamento con La Confessione, il talk-show ideato e condotto dal direttore de Il Fatto Quotidiano Peter Gomez (in onda venerdì 17 novembre sul canale Nove in seconda serata, alle 22.45), saranno ospiti Vittorio Sgarbi e Alba Parietti. La 57enne showgirl e soubrette originaria di Torino sarà dunque una delle protagoniste dell’intervista che il giornalista dedica non solo ad alcuni personaggi molto vicini al “potere” ma anche a volti noti dello spettacolo e della televisione. “Ho scelto di invitare nella prossima puntata Alba Parietti perché oggi molti si dimenticano del fatto che lei, a suo tempo, rifiutò un contatto da nove miliardi di lire con le aziende di Silvio Berlusconi” ha ricordato lo stesso Gomez in sede di presentazione dell’appuntamento di questo venerdì, aggiungendo a proposito delle immagini che i telespettatori vedranno andare in onda restituiscono il ritratto “interessate di una donna dello spettacolo ma anche di sinistra dato che è figlia di un partigiano”. 

LE MOLESTIE SUBITE A 17 ANNI DA UN PRODUTTORE

Insomma, Alba Parietti (come peraltro accaduto nelle precedenti puntate del programma in onda sul Nove) si metterà metaforicamente a nudo nel faccia a faccia de La Confessione con Peter Gomez ed è molto probabile che tornerà su alcuni dei temi che, nel corso degli ultimi giorni, l’hanno riportata prepotentemente al centro delle cronache. Infatti, la showgirl piemontese (che nella preview della suddetta intervista si è detta anarchica e filopapista perché ritiene che “l’unica persona che stia facendo una politica per gli ultimi sia il Pontefice”) ha di recente svelato come a 17 anni sia stata molestata da un grande produttore: parlando infatti con la “iena” Dino Giarrusso, la Parietti ha rievocato un episodio avvenuto nel corso di un provino e che, a suo dire, l’ha particolarmente traumatizzata. “Il mio sogno era fare cinema e ricordo come un produttore mi abbia invitata nel suo ufficio e poi, dopo avermi spiegato il copione, mi ha baciata” ha spiegato la diretta interessata, aggiungendo di essersi molto vergognata e di non aver mai parlato dell’accaduto con nessuno, nemmeno suo padre. A detta dell’opinionista, tuttavia, le donne vittime di molestie e abusi non denunciano perché “terrorizzate e prese dal panico e spesso sai che la tua parola può non valere niente”.

L’INTERVISTA CONCESSA A RADIO CAPITAL

Fedele al suo carattere estroverso e poco consono ad avere peli sulla lingua, Alba Parietti ha comunque avuto un’altra occasione di raccontarsi negli scorsi giorni e, in attesa di vederla nel piccolo salotto di Peter Gomez, può essere annoverata una intervista rilasciata a Tg Zero di Radio Capital e che sta facendo molto discutere. Infatti, la 57enne torinese, sempre in riferimento al tema delle molestie che vedono coinvolte anche giovani attrici italiane ha detto che “noi donne siamo abituate alla co****naggine maschile in tutti i settori: se ognuna cominciasse a raccontare ogni singolo episodio, dalla pura stupidità ai soprusi, non la finiamo più…”. Inoltre, la Parietti ha definito ai microfoni dell’emittente radiofonica la sua idea in proposito: “I favori sessuali sono sempre serviti a fare carriera, dato che ci sono persone disponibili. Tuttavia, il limite è quello della mortificazione dato che nessuno deve essere messo in questa condizione” ha spiegato la showgirl, aggiungendo anche di essere dalla parte di Asia Argento nella querelle che la vede coinvolta ma di essere pure convinta che “non cambierà comunque nulla se sono le donne a prendere le difese delle stesse donne”. Infine, la Parietti ha avuto parole di fuoco anche per quelle colleghe che giustificano tali abusi e che, a suo giudizio, sono “soggiogate e oramai abituate al dominio maschile”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori