GINA LOLLOBRIGIDA/ Molestie a Hollywood: “Basta rifiutare, se uno accetta poi non si deve lamentare”

- Elisa Porcelluzzi

Gina Lollobrigida, ospite di Maurizio Costanzo nello speciale dedicato ai dieci anni di Iris, è tornata a parlare delle molestie nel mondo del cinema.

lollobrigida_porta_a_porta_2017
Gina Lollobrigida

Il canale Iris ha compiuto 10 anni e per l’importante ricorrenza Maurizio Costanzo, Direttore del canale, ha condotto una speciale prima serata con “10 anni di Iris – Maurizio Costanzo Show”. La puntata speciale si è conclusa con un’intervista di Maurizio Costanzo a Gina Lollobrigida. L’attrice è tornata a parlare delle molestie nel mondo del cinema, dopo aver rivelato nel salotto di Bruno Vespa di essere stata per due volte vittima di violenza. La Lollo ha affermato di non aver mai conosciuto Harvey Weinstein, nonostante la sua lunga esperienza cinematografica negli Stati Uniti. Pur non difendendo il produttore, l’attrice italiana ha criticato la decisione di rivelare le presunte molestie solo a distanza di anni: “Ma se c’è uno che ci vuole marciare e diventa maleducato basta dirgli di no, non è che ci vuole tanto. Basta rifiutare, se uno accetta poi non si deve lamentare. Basta essere precisi e soprattutto immediatamente far capire alla persona che non c’è niente da fare”, ha detto nel corso dell’intervista a Costanzo. Il pubblico in studio ha accolto con un fragorosa applauso le sue parole. Quando Costanzo le ha chiesto se le fosse mai accaduto di trovarsi in situazioni spiacevoli, la Lollo ha prontamente risposto: “Mi è successo centomila volte non sono una piccola verginella, la vita l’ho conosciuta”.

GLI ULTIMI EVENTI

Infine la Lollobrigida non ha nascosto una certa amarezza per i recenti eventi che l’hanno vista protagonista del gossip: “Sono contenta della vita che ho vissuto, mi reputo fortunata anche se ho avuto molte, molte difficoltà, specialmente negli ultimi tempi. Avrei preferito avere una vita tranquilla, c’è una pubblicità ignobile che è uscita e non si può combattere contro questo. Molte persone si conoscono dopo. Ho una grande simpatia dal pubblico e non me la può togliere nessuno. Molte persone che hanno un certo potere non mi conoscono come si deve, il pubblico invece è diverso e capisce la persona anche se la vede solo in televisione, è spontaneo”. Proprio nei giorni scorsi i periti hanno tratteggiato il profilo psichiatrico di Gina Lollobrigida – “salute mentale consona all’età, ma raggirabile” – nell’ambito dell’inchiesta che vede Andrea Piazzolla, manager dell’attrice, indagato dalla procura di Roma per circonvenzione di incapace.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori