LEONARDO SEMINATI/ La giovane promessa italiana del baseball nella Major League (Che fuori tempo che fa)

- Morgan K. Barraco

Giovane promessa del baseball, Leonardo Seminati sarà tra gli ospiti della puntata di Che fuori tempo che fa in onda questa sera su Rai 1. Gioca in Major League

Seminati_Leonardo_youtube
Leonardo Seminatia Che fuori che tempo che fa

Giovane promessa del baseball, Leonardo Seminati è già riuscito a farsi notare a livello internazionale grazie alle sue doti sul campo, in occasione degli Instructional League contro i Kansas City Royals. Il talentuoso 18enne è riuscito infatti a impressionare i Cincinnati Reds, la squadra con cui sta giocando attualmente, fin dal suo esordio nel campionato americano. Questa sera il giocatore sarà presente a Che fuori tempo che fa per parlare dei suoi ultimi successi sportivi, con uno sguardo al futuro roseo che già lo attende. Sono trascorsi infatti pochi mesi da quando il ragazzo di Torre Boldone ha lasciato il Parma per firmare un contratto internazionale che durerà sette anni per una delle squadre più in vista della Major League Baseball. Un salto di qualità che quest’anno hanno compiuto solo i giocatori Chris Colabello e Alex Liddi. Si vocifera inoltre, sottolinea Bergamo News, che durante il Torneo delle Accademie che si è svolto a Barcellona, Seminati fosse stato addirittura adocchiato dai Mets di New York e dai Red Sox di Boston. 

LEONARDO SEMINATI, AMORE PER IL BASEBALL A 7 ANNI

Leonardo Seminati ha scoperto l’amore per il baseball ad appena 7 anni, quando ha conosciuto lo sport durante una Fiera di Bergamo dedicata ai bambini. Una manifestazione che gli ha permesso letteralmente di innamorarsi del baseball, spingendolo poi a entrare nel Brescia e in seguito a partecipare ai Mondiali Under 12. La Junior Parma è arrivata dopo i tre anni trascorsi a Verona sotto la guida del ct di San Martino Buon Albergo, una seconda famiglia che ha permesso a Seminati di giocare nella Italian Baseball League. Jeff Graupe, responsabile dei Reds giovanili ha manifestato a inizio dello scorso mese una forte sorpresa nel vedere il giovane italiano alle prese con i Kansas City Royals, come sottolinea Azzurridigloria.com. Il ct è infatti rimasto impressionato dalla sua potenza e dalla sua versatilità, dato che la potenza del suo lancio fa sì che possa giocare sia in prima che in terza base, per non parlare dell’esterno. 

I SUCCESSI ALL’ESTERO

Classe 1999, Leonardo Seminati è originario di Torre Boldone, in provincia di Bergamo, e ha giocato 13 partite in serie B l’anno scorso, riuscendo a mantenere una media al piatto di .227. Tre anni di crescita notevole sul campo per un giovane sportivo, che ha giocato per lo più in prima e terza base ed è riuscito a superare i confini del nostro Paese per dirigersi verso le grandi manifestazioni internazionali. Nel 2014 è infatti volato fino in Messico per partecipare al Mondiale Under 15, per poi prendere parte al College Showcase che lo ha visto impegnato lo scorso novembre fra le università di Phoenix e Memphis. Ha inoltre rappresentato l’Italia nell’11esima edizione del Power Showcase Home Run Derby, come giocatore della Underclassmne, in cui si annoverano gli studenti liceali degli ultimi tre anni. Come sottolinea Bergamo Baseball, Seminati è stato presente negli ultimi giorni in città per una prova gratuita in cui si è offerto di insegnare lo sport e persone che vanno dai 7 ai 40 anni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori