Uomini e Donne Oggi/ In onda il Trono Classico: Mattia lascia lo studio, Vittoria disperata! (6 novembre 2017)

- Anna Montesano

Uomini e Donne, oggi 6 novembre 2017 va in onda il trono classico. Ancora accuse per Mattia Marciano che lascia lo studio, Vittoria Deganello disperata!

mattia_marciano_vittoria_deganello
Mattia Marciano e Vittoria Deganello

La settimana di Uomini e Donne ha inizio con il Trono Classico. Sarà una puntata molto difficile soprattutto per Mattia Marciano e Vittoria Deganello, ma si parte con le nuove esterne di Paolo Crivellin. Il tronista ha deciso questa volta di essere lui ad organizzare l’esterna per Ester. I due si divertono e confermano la loro complicità mentre Paolo ribadisce che è lei la persona alla quale, al momento, pensa di più ed è per questo che si è sentito di fare questo passo verso di lei, organizzandole l’esterna. Paolo è tornato ad uscire anche con Angela dopo gli scontri delle scorse settimane e tra loro c’è stato un riavvicinamento non proprio apprezzato in studio da Ester. Ma Maria De Filippi annuncia che la vera sorpresa è l’esterna del tronista con la nuova arrivata Giorgia.

SOSPETTI E ACCUSE PER MATTIA E VITTORIA

Ragazza molto bella e spontanea, Giorgia ha colpito Paolo sin da subito, tanto che nell’esterna lo si vede chiaramente imbarazzato e attratto dalla corteggiatrice. Se ne discute in studio prima di dare spazio alle esterne di Mattia. Si parte subito con quella con Vittoria Deganello che palesa il suo interesse e confessa di avere il desiderio di sentirlo anche dopo gli incontri con le telecamere. In studio però le critiche sono imminenti e i primi a trovare finta, e quindi costruita e poco interessata Vittoria sono Tina e Gianni. Si aggiunge alle loro perplessità anche Mario Serpa. Tutti continuano a credere che i due siano in accordo per uscire insieme ma Mattia sbotta e lascia lo studio spazientito. Al suo rientro però le critiche continuano e a Vittoria viene chiesto di vedere il cellulare per scoprire se i due lavorano per la stessa agenzia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori