MASSIMO RANIERI/ Duetto con Mika e l’omaggio a Mariangela Melato (Stasera Casa Mika)

- Francesca Pasquale

Nella seconda puntata di Stasera Casa Mika, in onda sulle frequenze di Rai 2 per la conduzione di Mika e Luciana Littizzetto, è ospite l’attore, cantante e conduttore Massimo Ranieri.

massimo-ranieri
Massimo Ranieri, Stasera casa Mika

UN EMOZIONANTE RICORDO DI MARIANGELA MELATO

Nomi altisonanti per questa seconda puntata del programma Stasera casa Mika tra cui Massimo Ranieri. Uno straordinario artista che darà vita nello show del cantante britannico a momenti di grande magia ed emozione. Infatti, Massimo Ranieri si ritroverà a duettare con Mika permettendo peraltro di rivivere alcuni emozionanti momenti della fantastica carriera di una celebre artista italiana qual è stata Mariangela Melato. Ranieri con la Melato ha condiviso alcuni importanti spettacoli e successi come nel caso della versione televisiva del famoso spettacolo teatrale di Eduardo De Filippo, Filumena Marturano. Una versione proposta nel 2010 nella prima serata di Rai 1 che ha visto Ranieri anche confrontarsi con la regia. All’epoca della presentazione dello spettacolo Ranieri ha dichiarato in conferenza stampa: “E’ stata una decisione difficile da prendere e faticosa da attuare ma ho pensato che il teatro era stato ingiustamente sottratto dalla tv al pubblico per ben 33 anni. Abbiamo dovuto adattare la messa in scena al piccolo schermo, ‘mostro’ che ci affascina ma che a volte ci fa anche del male”.

MASSIMO RANIERI, VINCITORE DEL PREMIO TENCO

Recentemente Massimo Ranieri ha ottenuto un importante riconoscimento artistico. In particolare gli è stato assegnato l’ambito Premio Luigi Tenco per la sezione operatore culturale che in questa edizione è dedicato al tema Terre di mare. Nella motivazione dell’assegnazione del premio si possono apprezzare alcune delle meravigliose capacità di questo artistico unico nel proprio genere: “Juke-box, radio e televisione, prestigiosi teatri e cinema, non c’è mezzo o luogo di comunicazione che non abbia diffuso il patrimonio onnicomprensivo della sua musica conquistando ogni tipo di pubblico, come conviene solo ai grandi artisti. La sua straordinaria rivisitazione del repertorio della canzone di Napoli, sua città natale, esaltata dalla ‘nuova mediterraneità’ di Mauro Pagani o dalla lettura jazz, fa di lui, al contempo, un grande divulgatore della tradizione e il prototipo di linguaggi espressivi del tutto inediti”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori