I due marescialli/ Su Iris il film con Totò e Vittorio De Sica, tutte le curiosità (oggi, 2 dicembre 2017)

- Cinzia Costa

I due marescialli, il film in onda su Iris oggi, sabato 2 dicembre 2017. Nel cast: Totò, Vittorio De Sica e Gianni Agus, alla regia Sergio Corbucci. La trama del film nel dettaglio.

i_due_marescialli
Il film in seconda serata su Iris

La seconda serata di Iris si veste di comicità con la pellicola diretta da Sergio Corbucci nel 1961 che si basa su un soggetto scritto da Totò, Ugo Guerra, Marcello Fontado, Sandro Continenza, Bruno Corbucci e Giovanni Grimaldi che si sono occupati anche della sceneggiatura. La produzione è stata firmata da Gianni Buffardi con la casa di produzione Cineriz che ha anche gestito la distribuzione del film in Italia. Il montaggio è stato realizzato da Roberto Cinquini con le musiche della colonna sonora che sono state composte da Piero Piccioni e con la scenografia ideata da Giorgio Giovannini. Il film è stato realizzato in Italia con le riprese fatte in bianco e nero e la sa durata è di 99 minuti circa. La censura pose il veto sul soggetto che fu profondamente modificato. Il film fu realizzato in un momento in cui sia Corbucci che De Sica erano pienissimi di impegni e dovevano incastrare più film per rispettare le consegne. Durante le riprese Corbucci era impegnato al mattino a finire Romolo e Remo e poteva dedicare a I due marescialli solo il pomeriggio. De Sica, d’altra parte, aveva le mattine impegnate nel recitare sul set di Boccaccio ’70, potendo dedicare al film solo i pomeriggi. Nonostante questo, I due marescialli è considerato un film molto ben riuscito e uno dei capolavori della commedia italiana classica.

NEL CAST TOTÒ E VITTORIO DE SICA

Il film I due marescialli va in onda su Iris oggi, sabato 2 dicembre 2017, alle ore 23.10. Una commedia italiana del 1961 che è stata diretta da Sergio Corbucci (Vamos a matar companeros, Django, Il grande silenzio) einterpretata da Totò (Totò Peppino e la malafemmina, La banda degli onesti, Guardie e ladri), Vittorio De Sica (Ladri di biciclette, Sciuscià, Umberto D.) e Gianni Agus (Ku Fu? – Dalla Sicilia con furore, Il federale, Il venditore di palloncini). Il film è uno dei più classici esempi di commedia all’italiana. I due marescialli, doveva, secondo la prima stesura della sceneggiatura, narrare le rivalità fra un maresciallo della Polizia e uno dei Carabinieri, impegnati nella stessa indagine. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

I DUE MARESCIALLI, LA TRAMA DEL FILM 

Seconda Guerra Mondiale. Pochi giorni prima dell’8 settembre 1943 il maresciallo Cotone (Vittorio De Sica) arresta presso la stazione di un paesino di provincia un ladruncolo, Antonio Capurro (Totò), che sta rubando delle valige travestito da prete. Proprio nel momento dell’arresto, la stazione viene bombardata dagli alleati. Capurro riesce così a fuggire dopo avere indossato gli abiti da Carabiniere di Cotone, svenuto, e aver messo a quest’ultimo l’abito da prete. Lo scambio di ruoli funziona così Capurro, nei panni del maresciallo, si trova a comandare i Carabinieri del piccolo paese di Scalitto, al servizio dei tedeschi e dei fascisti. Cotone, il vero maresciallo, è invece stato costretto a fuggire in una chiesa. Lì, insieme ad una ebrea e a un soldato americano, guida i partigiani locali. Cotone però ricatta Capurro, minacciandolo di rivelare lo scambio di ruoli, e lo costringe a collaborare con la resistenza antifascista. A scompaginare i piani del falso prete e del falso maresciallo arriva però in città Immacolata (Olimpia Cavalli), la fidanzata di Cotone, che ovviamente si rende subito conto dello scambio di persona. Per salvare le apparenze il maresciallo Cotone, che in realtà è Capurro, è costretto ad organizzare un finto matrimonio con la ragazza, celebrato proprio dal vero Cotone, in abito da prete. Gli alleati però sono sempre più vicini e la lotta fra i fascisti e la resistenza è sempre più accesa. Quando il podestà Pennica (Gianni Agus) arresta e condanna a morte degli innocenti Capurro si rende conto di dover rendere onore all’uniforme che, seppur per inganno, indossa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori