JASON PRIESTLEY / Brandon Walsh di Beverly Hills 90210: “Diedi un pugno ad Harvey Weinstein”

- Annalisa Dorigo

Jason Priestley ha recentemente racontato una brutta avventura condivisa con Harvey Weinstein nel 1975, in occasione di una festa per i Golden Globe. Tra loro ci fu un vero scontro…

harvey_weinstein_wikipedia
Harvey Weinstein (Wikipedia)

Il caso Weinstein continua a far discutere negli Stati Uniti, chiamando in causa anche alcune indimenticabili star che in passato hanno avuto a che fare con il produttore americano. È questo il caso dell’attore Jason Priestley, conosciuto in tutto il mondo per avere interpretato Brandon Walsh nella serie cult degli anni Novanta Beverly Hills 90210. L’artista ha raccontato su Twitter una brutta avventura che lo aveva visto protagonista nel 1995 proprio insieme ad Harvey Weinstein. Entrambi si trovavano ad una delle feste organizzate in occasione dei Golden Globe ma improvvisamente, senza alcuna motivazione, il produttore chiese a Jason di lasciare la festa. Considerando che in quegli anni Weinstein era potentissimo, l’attore eseguì l’ordine pur non comprendendone il motivo ma fu raggiunto poco dopo proprio dall’uomo oggi al centro di uno scandalo senza precedenti nel dorato mondo di Hollywood. Ne seguì uno scontro raccontato nei minimi dettagli dall’interprete di Brandon Walsh.

Jason Priestley e il pugno a Harvey Weinstein

Jason Priestley ha pubblicato su Twitter un lungo sfogo nel quale ha parlato dello scontro fisico avuto con Harvey Weinstein durante una festa della Miramax. Il produttore gli disse di andarsene, ma quando lui lo fece davvero accadde l’impensabile: “Me ne stavo andando quando ha afferrato il mio braccio e mi ha detto: ‘Che stai facendo?’. Gli ho risposto: ‘Mi hai detto di andare, me ne sto andando’. Ha replicato: ‘Non ti ho detto che dovevi andartene’. Gli ho ribadito: ‘Mi hai appena detto di andarmene, proprio mentre eravamo lì’. La situazione si stava scaldando e allora mi ha afferrato più forte e detto: ‘Perché non usciamo e ne parliamo?’ Era quello che volevo sentirmi dire”. Lo scontro da fisico è quindi diventato verbale. Jason Pristley prosegue infatti con il suo racconto: “Mentre l’ho spinto per allontanarlo e gli ho dato un pugno con la mano destra. Improvvisamente c’erano delle guardie di sicurezza che ci separavano e mi hanno accompagnato fuori dal party”. Ma quanto accaduto non bastò per mettere in discussione la popolarità di Weinstien al punto che, il giorno successivo, all’attore fu consigliato di scrivere una lettera di scuse.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori