I CORONA/ Un capodanno che ci riporta negli anni 90 per la gioia dei nostalgici (L’anno che verrà)

- Francesca Pasquale

La storica band dei Corona protagonista su Rai 1 nel programma L’anno che verrà presentato da Maratea da Amadeus. Per loro un successo strepitoso ed irripetibile negli anni Novanta.

logo_rai_1
il film drammatico nel primo pomeriggio di Rai 1

Lo storico gruppo italiano dei Corona tra gli ospiti della trasmissione L’anno che verrà, presentata da Amadeus dalla splendida cornice naturalistica di Maratea. Una lunga diretta targata Mamma Rai per dare il benvenuto al nuovo anno, caratterizzata dalla partecipazione di tantissimi ospiti di prestigio come i Corona. Una band che ha fatto ballare negli anni Novanta un’intera generazione con brani che sono rimasti nella storia come The Rhythm of the Night e Baby Baby. Un salto indietro del tempo che certamente non lascerà insensibile i nostalgici di un genere musicale molto apprezzato ed amato, probabilmente messo in disparte in maniera eccessivamente precoce. Tra l’altro la front woman del gruppo, la brasiliana Olga Maria de Souza, ha avuto anche un’esperienza al fianco dello stesso Amadeus, nelle vesti di conduttrice. Nello specifico nel 1996, infatti, presentò con Amadeus e Alessia Marcuzzi quella edizione del Festivalbar.

LA CARRIERA DEI CORONA

I Corona sono una band di eurodance nata in Italia nel 1993 e composta, nella formazione originale, dal produttore Francesco ‘Checco’ Bontempi che all’epoca era noto con il nome d’arte di Lee Marrow e dalla cantante brasiliana Olga Maria de Souza. Nel novembre di quell’anno i Corona fecero irruzione prepotentemente sulla scena musicale internazionale con un singolo che ebbe un clamoroso successo: The Rhythm of the Night. Nel 1994 fu il singolo più venduto in Italia ed arrivò al secondo posto nella classifica americana Top Heatseekers pubblicata su Billboard ed in quella britannica. Il successo venne confermato grazie ad altre straordinarie hit ancora oggi molto apprezzate dal pubblico quali Baby Baby, Try Me Out e I Don’t Wanna Be a Star. Complessivamente il gruppo ha pubblicato quattro album tutti registrati in studio mentre l’ultimo singolo intitolato Stay With Me, uscito nel 2014, tuttavia non è riusceto ad entrare nelle classifiche dei singoli più venduti di alcun Paese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori