BASIC INSTICT 2/ Le curiosità e il trailer del film con Sharon Stone in onda su Iris

- La Redazione

Basic Instinct 2, il film in onda su Iris oggi, giovedì 2 febbraio 2017. Nel cast: Sharon Stone e David Thewlis, alla regia Michael Caton-Jones. La trama del film nel dettaglio

iris_logo
film prima serata

Basic Instinct 2, è il film che andrà in onda su Iris oggi, giovedì 2 febbraio 2017. Una pellicola caratterizzata da generi forti come thriller, erotico e giallo, è stata diretta da Michael Caton-Jones con il soggetto che è stato esteso da Joe Eszterhas e la sceneggiatura curata da Leora Barish ed Henry Bean. Il montaggio del film è stato realizzato da Istvan Kiral e John Scott con le musiche della colonna sonora che sono state composte da John Murphy e Jerry Goldsmith mentre la scenografia è stata ideata e realizzata da Norman Garwood. La pellicola è stata prodotta negli Stati Uniti nel 2006 e la sua durata è pari a 109 minuti. Il film si basa sui personaggi creati da Joe Eszteehas e vede il ritorno della femme fatale Catherine Tramell interpretata da Sharon Stone.

La pellicola Basic Instinct 2 che andrà in onda oggi, giovedì 2 febbraio 2017 su Iris, è il seguito del famoso Basic Instinct. Il film è stato diretto da Michael Caton-Jones, segue sempre le azioni della sensuale Catherine Tramell (interpretata anche questa volta da Sharon Stone) ora trasferitasi dagli Stati Uniti alla capitale britannica Londra e coinvolta di nuovo in quelli che sembrano omicidi molto particolari. Dal trailer che è disponibile qui si nota come anche questo sequel sia tinteggiato da scene che vanno dal giallo al thriller, a volte quasi sfiorando l’erotico, grazie alla stupenda interpretazione della Stone che si cala benissimo nella parte della femme fatale. Per chi desidera seguire il film in diretta streaming, invece, può accedere dal sito Mediaset ufficiale, cliccando qui.

Basic Instinct 2 è il film in onda su Iris oggi, giovedì 2 febbraio alle ore 21.00. Una pellicola inglese dal genere thriller che è stata diretta nel 2006 da Michael Caton-Jones, secondo atto del film diretto da Paul Verhoeven nel 1992. Nel cast sono presenti atori molto noti al pubblico come Sharon Stone, David Morrissey, Charlotte Rampling e David Thewlis. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

La protagonista è ancora una volta Catherine Tramell (Sharon Stone), che dopo essersi trasferita a Londra, si ritrova ad essere accusata per l’omicidio di un uomo. Il suo modo di vita in effetti non è cambiato, come dimostra l’incidente che la vede coinvolta già nei titoli di testa, in cui muore il suo accompagnatore. A condurre le indagini sull’incidente è Roy Washburn (David Thewlis), un ispettore di Scotland Yard. La successiva perizia psichiatrica viene invece affidata a Michael Glass (David Morissey), famoso, ma anche noto per un infortunio clamoroso, la messa in libertà di uno spacciatore che ha poi ucciso la fidanzata, in attesa di un figlio. Tra la scrittrice e l’analista si sviluppa subito una attrazione morbosa, proprio mentre Catherine viene prosciolta di tutti i capi d’accusa che pendevano su di lei. Il detective Washburn, però non si rassegna e nel corso di un incontro con il giornalista Adam Towers (Hugh Dancy), protagonista della separazione tra Glass e la moglie, con la quale intratteneva una relazione, capisce che l’intenzione del suo interlocutore è proprio di screditare il dottore. Nel frattempo il rapporto tra questi e la Tramell fa passi in avanti, con la scrittrice pronta a chiedere di essere una sua paziente. Tra i suoi progetti, c’è anche la stesura di un nuovo romanzo, in cui appunto prefigura lo stringersi di una relazione d’amore tra un’assassina e il suo medico. Le sedute concordate tra i due si rivelano presto ad alto tasso erotico, con la Tramell pronta a svelare tutte le sue fantasie. Ben presto Glass comprende il vero fine di Catherine, che non è quello di curarsi, bensì di renderlo dipendente da lei e decide di confidarsi con Milena Gardosh (Charlotte Rampling), una collega che gli consiglia di recidere ogni legame con la scrittrice, prima che sia troppo tardi. Quando i due vanno ad una festa, organizzata dal dottor Jakob Gerst (Heathcote Williams), incontrano la Tramell, ormai risoluta a non mollare Glass, il quale decide di andarsene in compagnia di Michelle Broadwin (Flora Montgomery). Proprio mentre la coppia sta per avere un rapporto sessuale, giunge però la telefonata di Denise, l’ex moglie, che gli chiede di raggiungerla a casa di Adam Towers. Arrivato sul posto, trova l’uomo strangolato, ritrovandosi così nella lista dei sospettati, proprio per i precedenti tra i due. Quando poi Glass cerca di parlare con Denise, l’ex compagna scappa sentendosi pressata, riparando in un club, ove lo stesso Michael la ritrova morta. Una morte che aggrava ulteriormente la sua posizione, ma che non gli impedisce di cedere infine all’attrazione per Catherine. Intanto, l’avvocato della scrittrice, Henry Rose, mette in guardia l’analista, confidandogli come Washburne non sia colui che crede. Il detective, infatti, è un poliziotto corrotto e il fatto stava per essere reso di pubblico dominio da Adam. L’epilogo vede come teatro la casa di Glass, ove il dottore, Catherine e Milena saranno protagonisti di una sorta di regolamento di conti, nel corso del quale la Tramell svela infine come Adam avesse intenzione non di distruggere la sua carriera, ma quella di Washburn. Sempre secondo Catherine, lo stesso Washburn era l’assassino della fidanzata dello spacciatore, atto portato avanti con il preciso intento di portare infine al suo arresto. Quando arriva il detective, il cerchio si chiude, con l’uccisione di Washburne da parte dell’analista, ormai chiaramente in confusione mentale. Lo stesso Michael viene quindi internato e nel corso di un ultimo faccia a faccia con Catherine, di fronte alla sua teoria, che lo accusa degli omicidi di Denise, Adam e Richard, sorride compiaciuto, facendo chiaramente intendere come essa sia assolutamente reale, prima di ricevere un ultimo bacio dalla scrittrice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori