Il temerario/ Susan Sarandon e Robert Redford nel film su Rete 4: la curiosità sul Circo Volante

- La Redazione

Il temerario, il film in inda su Rete 4 oggi, mercoledì 22 febbraio 2017. Nel cast: Susan Sarandon, Robert Redford e Bo Svenson, alla regia George Roy Hill. Il dettaglio della trama. 

Foto-Mediaset_new
film

Il temerario è il film che andrà in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 22 febbraio 2017, a partire dalle 16.45. Una pellicola di genere drammatico e avventura, che è stata scritta e diretta da George Roy Hill mentre la sceneggiatura è stata curata da William Goldman. Il Circo Volante di cui si parla nel film è esistito veramente ed era uno spettacolo molto praticato negli Stati Uniti, nel primo dopoguerra. Questa manifestazione viene citata anche nell’opera di Richard Bach, che si chiama Niente per caso. La pellicola Il temerario ha ottenuto un ottimo riscontro nel pubblico. I critici hanno ritenuto che il lungometraggio fosse di buona qualità, per il talento degli attori protagonisti e per le spettacolari scene presenti nel film. La pellicola non si è però aggiudicata nessun premio e nemmeno il regista, George Roy Hill, ha ricevuto delle nomination nei vari Festival. Il direttore della pellicola Il temerario ha confessato di aver scelto Robert Redford per interpretare il personaggio di Waldo, perchè l’attore è molto coraggioso ed è sempre stato un appassionato di aeroplani. 

, il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 22 febbraio 2017 alle ore 16.45. Una pellicola di genere drammatica che è stata diretta da George Roy Hill nel 1975 ed è stata prodotta negli Stati Uniti d’America. Il film, vede come attori principali Susan Sarandon, Robert Redford, Bo Svenson e Geoffrey Lewis. Il film visto l’anno di produzione, non è da considerare una Prima Tv. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

Il temerario Waldo Pepper è un uomo affascinante, che fa di mestiere l’aviatore. Il giovane ha appena combattuto il primo conflitto mondiale. Al termine della guerra, Pepper decide di guadagnarsi da vivere, facendo fare dei giri, sul suo biplano, a ricchi proprietari di grandi fattorie. Un giorno Waldo incontra Axel Olsson, il quale è anch’egli un aviatore. Con l’uomo i rapporti all’inizio sono burrascosi, ma poi i due diventano amici. Ad un certo punto Pepper e Olsson scelgono di lavorare insieme, facendo dei numeri acrobatici in volo. Durante uno spettacolo, l’aereo dei giovani ha un incidente. Pepper si ferisce gravemente, quindi torna in Kansas, dove trova rifugio presso l’abitazione della sua ex compagna Maude. Nella casa della donna, Waldo conosce il fratello della ragazza, che si chiama Ezra, anche lui appasssionato di aeroplani. Quando Pepper guarisce, si riunisce con Axel, e insieme all’uomo incomincia a fare degli spettacoli aerei acrobatici, per un imprenditore che si chiama Dillhoefer. Durante uno show, l’aeroplano di Pepper e Olsson causa accidentalmente la morte di una donna di nome Mary Beth. La polizia inizia ad indagare, facendo chiudere il Circo Volante a Dillhoefer. Dopo la tragedia, Axel sceglie di lasciare il volo acrobatico e prende una decisione importante. L’uomo incomincia a studiare per diventare un pilota commerciale. Waldo non condivide la scelta del suo socio in affari. Il giovane vuole continuare ad effettuare dei voli acrobatici, perchè durante questi show sogna di effettuare il looping rovesciato, una manovra molto azzardata. Nel frattempo Ezra, il fratello di Maude, durante un acrobazia compiuta con il suo monoplano, ha un incidente. Pepper accorre in suo aiuto, ma l’uomo muore a causa delle numerose bruciature sul suo corpo. Dopo l’incidente di Mary Beth, Waldo non ha più il brevetto di aviatore. Il giovane allora decide di fare un provino per un film sul famoso pilota tedesco Kessler, sotto falsa identità. Nel corso dei provini, Pepper incontra personalmente l’aviatore tedesco. Costui, dopo un pò di tempo, decide che sia proprio Waldo a interpretare il suo personaggio nella pellicola. Pepper gira con successo il lungometraggio, ma alcuni anni dopo, nel 1931, muore in un incidente aereo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori