NCIS – LOS ANGELES 8 / Anticipazioni puntata 11 marzo 2017: la squadra a caccia di un sicario cinese

- La Redazione

NCIS – Los Angeles 8, anticipazioni dell’11 marzo 2017, in prima Tv assoluta su Rai 2. La squadra indaga sull’omicidio di un agente della Homeland, e risalgono ad un noto sicario cinese. 

ncislosangeles_facebook
NCIS - Los Angeles 8

Nella prima serata di oggi, sabato 11 marzo 2017, Rai 2 trasmetterà un nuovo episodio di NCIS – Los Angeles 8, in prima Tv assoluta. Sarà il quarto, dal titolo “Contrabbando“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: l’NCIS viene chiamata per un pacco sospetto, recapitato in un ristorante della città, che esplode misteriosamente e provoca una vittima, Danielle. Sonja (Shalita Grant) e LaSalle (Lucas Black) individuano in particolare JJ (Dave Davis), un ragazzo con dei precedenti. Le impronte sul pacco appartengono però a Flanders (Tom Schanley), il titolare del ristorante, ma JJ rivela di aver inviato dei ratti al locale rivale per ottenere una promozione. Intanto, Pride (Scott Bakula) e Brody (Zoe McLellan) indagano sul mistero che li riguarda più da vicino, ma proprio mentre stanno parlando, il leader dell’NCIS ha un’intuizione sull’altro caso. Poco dopo, due agenti dell’FBI prelevano Meredith per portarla negli uffici federali, portando con loro anche il suo computer. Sebastian (Rob Kerkovich) invece trova delle tracce di acciaio e propano nel pacco sospetto e Pride capisce che è collegato al cannello da cucina utilizzato per il flambé. Il bombarolo ha utilizzato uno strumento più potente, ma tutto fa pensare che il vero bersaglio è Danielle, in quanto ufficiale della Marina ed esperta in culinaria. Grazie ad un collaboratore della Jarrett, LaSalle e Sonja scoprono che aveva fatto diverse telefonate dal telefono fisso della nave, che fanno supporre fosse preoccupata per qualcosa. Pride viene poi avvisato che la vittima si sta per risvegliare. Nel frattempo, Brody viene interrogata per il suo interesse per il Generale, ma viene salvata appena in tempo da un agente dell’FBI, che la preleva. Riferisce infatti che è una loro informatrice, ma una volta all’esterno, confessa a Brody che hanno interesse verso lo stesso caso. Loretta (CCH Pounder) invece informa Pride di aver scoperto che Danielle sta difendendo la madre, per via di alcune contusioni rilevate sulla donna. Crede quindi che abbia assistito all’ennesima lite e che abbia solo cercato di evitare il peggio. Proprio in quel momento, Danielle chiama Pride per chiedergli aiuto, ma qualcuno chiude la telefonata. All’arrivo di King, Danielle è entrata in emobolia. La squadra sa che è Blake (Skipp Sudduth) il responsabile e Pride decide di fare leva sulla moglie per ottenere una sua reazione, in modo che incastri il marito. Elaine (Molly Hagan) si giustifica parlando di incidenti, anche se Pride sa che ha mentito alla figlia per diversi anni e che una volta rivelata la verità, Danielle ha cercato di portarla lontano. Ecco perché Blake ha manomesso il cannello della figlia per impedirle di allontanarlo dalla moglie. Grazie ad Elaine, la squadra organizza una trappola e non appena cerca di alzare le mani sulla moglie, lo arrestano. Una volta finito il caso, Pride decide di assumere un direttore che lo aiuti con il locale. Brody invece rivede ancora l’agente Russo (Ivan Sergei), che le propone di vedersi ancora.

Un sommozzatore professionista della Marina viene ucciso mentre sta perlustrando il fondale. Loretta rileva dal corpo la presenza di numerosi morsi di pesci ed una ferita da corpo contundente che fa pensare ad un omicidio. Le uniche tracce possibili si trovano in acqua, un particolare difficile per rilevare tracce importanti. La vittima ha lavorato come Seal in passato, ma mentre stanno discutendo del caso, vengono interrotti dall’arrivo dell’agente Russo dell’FBI. Annuncia che per il momento sarà lui ad assumere l’incarico che era destinato il Generale Matthews. Chiede anche di parlare in privato con Meredith, che stranamente non ha risposto ad alcuno dei suoi messaggi. Solo in quel momento realizza che l’agente l’ha contattata per avere delle informazioni sul caso e non per avere un appuntamento. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori