NUOVA SIGLA DEI PUFFI / Video, Cristina D’Avena incide la nuova colonna sonora per il film

- La Redazione

Nuova sigla dei Puffi, video: Cristina D’Avena incide la nuova colonna sonora del famoso cartone in vista dell’uscita del nuovo film che si ispira alle vicende dei simpatici ometti blu.

puffi
Foto dal web

Cristina D’Avena è sicuramente il primo e più atteso protagonista del cartone animato ”I Puffi : Viaggio nella foresta segreta” che uscirà nei cinema il prossimo sei aprile. Sicuramente ci troviamo di fronte a un’opera molto interessante e che vede l’artista confrontarsi con una nuova interpretazione della sigla ”Noi Puffi siam così”. Una delle altre novità vedrà protagonista ancora Cristina D’Avena che doppierà un personaggio nuovo, mai apparso né nella serie né tantomeno che negli altri lungometraggi sui Puffi. Di sicuro c’è grande curiosità ma la produzione è rimasta molto abbottonata sullo svelare situazioni piuttosto intriganti. Staremo a vedere se arriveranno delle novità e se qualcuno riuscirà a dare spiegazioni proprio in merito a questo personaggio prima dell’uscita nelle sale.

Si torna a parlare dei Puffi che torneranno presto sul grande schermo con un altro film che ripercorre le avventure dei simpatici ometti blu. Non si sa molto della trama anche se l’uscita è ormai imminente tanto che lo vedremo al cinema dal sei aprile prossimo. Il titolo del film è ”I Puffi: viaggio nella foresta segreta”. Per l’occasione è stata richiamata Cristina D’Avena per la reinterpretazione della famosissima ”Noi Puffi siamo così” canzone che ha reso storico il cartone animato. Come spesso è accaduto per i cartoni dell’infanzia dei ragazzi nati negli anni ottanta poi ogni figura si immagine alla voce di questa splendida donna che ha dimostrato più volte di essere pronta a mettersi in gioco su diversi fronti. Intanto oggi esce la colonna sonora e subito diventa virale sui social network anche grazie all’amore sempre dimostrato dai fan sia dei Puffi che più propriamente di Cristina D’Avena.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori