ANNA MAYER/ Il personaggio di Gabriella Pession: Cagliostro l’amava davvero? (La porta rossa, 8 marzo)

- La Redazione

Anna Mayer, cosa ha fatto nella scorsa puntata il personaggio interpretato da Gabriella Pession: Cagliostro l’amava davvero? (La Porta Rossa, mercoledì 8 marzo 2017)

Porta_Rossa_Facebook_r439
La porta rossa (foto da Facebook)

Grande attesa, questa sera mercoledì 8 marzo, per una nuova puntata della fiction di Rai 2 La Porta Rossa in cui ritroveremo Gabriella Pession nei panni del magistrato Anna Mayer in lutto per la morte di suo marito, il commissario Cagliostro. La donna vuole cercare di scoprire in tutti i modi quello che è veramente successo a Leonardo anche perché aspetta un figlio da lui e non sa cosa fare con questa inaspettata gravidanza. Nella precedente puntata abbiamo visto Anna entrare di nascosto nell’appartamento in cui l’uomo viveva dopo la loro separazione in quanto Piras l’ha messo sotto sequestro per l’indagine su Cagliostro. La donna si aggira tra le stanze spoglie del locale e vede le condizioni in cui dormiva il marito, tra alcuni fogli sparsi in giro, trova la locandina di un locale notturno di Trieste. Anna va nel night club e cerca informazioni sul marito. Piras le telefona per chiederle dove si trovi e lei gli parla del posto. La donna chiede del marito a un losco barista che mostra alla donna, dopo averle fatto delle avances, alcune fotografie delle ragazze del locale. Tra loro c’è una certa Helena, che pare fosse la preferita di Leonardo. Anna ricorda di aver visto le iniziali HC tra le ultime chiamate sul cellulare di Leonardo e non pensa che si tratti di una coincidenza. Il barista, vedendo Anna visibilmente scossa, inizia a palpeggiarla ma arriva Piras, che ha raggiunto la collega preoccupato per la sua incolumità. L’uomo accompagna a casa Anna e la aggiorna sullo sviluppo delle indagini, a breve ci sarà una perquisizione nell’appartamento in cerca di nuove piste. Il giorno dopo Piras e Rambelli si presentano a casa della donna per perquisirla, quando non sembra che ci siano novità il commissario nota un quadro appeso alla parete, leggermente spostato. Dietro al dipinto ci sono documenti falsi e soldi, le prove della colpevolezza di Leonardo sono sotto gli occhi di tutti.

Anna è molto confusa e chiede a Stella di prendere un caffè insieme. La donna confida all’amica la storia di Helena e le chiede se sapesse del tradimento di Leonardo e lei nega. Il magistrato però riesce a mettere le mani sulle registrazioni di un albergo frequentato da Leonardo, l’uomo si vedeva con Stella. Delusa dal tradimento del marito e per essere stata raggirata dalla poliziotta, Anna fa una scenata in ufficio a Stella e le da uno schiaffo di fronte a tutti. Lorenzi prova a confortare la donna e la spinge a parlare con il suo parroco, cui Anna confessa la sua intenzione di abortire. Quando sta per rientrare nel suo appartamento, sul portone di casa trova la signora Raspadori, la donna chiede al magistrato di tenere aperte le indagini sulla morte della figlia. Anna mantiene la promessa e torna sul caso della ragazza morta per la Red Ghost. La madre di Ambra è convinta che la figlia sia stata uccisa e che non sia morta per droga, controllando i referti medici anche Anna si convince della cosa e ne parla con Piras. Leonardo aveva espresso le stesse perplessità sul caso. Quella stessa sera quando Anna si mette a letto scopre tra le pagine del libro che sta leggendo dei biglietti aerei, un regalo di Leonardo. La donna è confusa e si guarda intorno in cerca di una risposta. Nella prossima puntata de La porta rossa, in onda stasera 8 marzo, Anna continuerà a vivere nell’incertezza, da una parte scoprirà nuove cose sul conto di Leonardo che le faranno male ma dall’altra ripensando al passato e al loro amore troverà il coraggio per prendere una decisione sul futuro della sua gravidanza. La donna però sarà sempre in pericolo e Leonardo continuando a starle vicino cercherà in ogni modo di proteggerla, ma proprio la sua sete di verità la metterà in pericolo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori