MOGLIE E MARITO/ Da oggi al cinema il film con Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino. Trailer (12 aprile 2017)

- Alessandra Pavone

Moglie e marito, è il film che esce nella giornata di oggi, mercoledì 12 aprile 2017, nelle sale cinematografiche italiane. Diretto Simone Godano

cinema_film_2_pixabay_2017
Pixabay

Cosa si prova ad essere nei panni dell’altro quando si è una coppia? È questo che ci racconta “Moglie e Marito” il film con Pierfrancesco Favino e Kasia Smutniak che debutta oggi, mercoledì 12 aprile 2017, nei cinema. La commedia sentimentale parte da un esperimento rischioso fatto da una coppia alla ricerca della complicità perduta: il macchinario a cui sono collegati scambia però le personalità dei due, che dovranno imparare a vivere nei panni dell’altro. Il trailer ci dà un assaggio su cosa possiamo aspettarci, tra divertenti incomprensioni e le buffe prove dei due protagonisti nel tentare di comportarsi come farebbe l’altro. Per esempio fa sorridere vedere l’affascinante e mascolino Favino preoccuparsi del trucco della moglie e parlare con un tono decisamente femminile, o vedere l’aggraziata Smutniak sedersi a gambe divaricate durante una trasmissione televisiva. Clicca qui per vedere il trailer di “Moglie e Marito”. (Aggiornamento di Linda Irico)

La commedia sentimentale “Moglie e marito” esce quest’oggi nei cinema e i due protagonisti, Kasia Smutniak e Pierfrancesco Favino, sono impegnati in questi giorni nelle consuete attività di promozione della pellicola. Nei giorni scorsi l’attore romano è stato ospite a Edicola Fiore da Fiorello in versione “imbonitore”. Da un balcone Favino a fatto promozione al suo nuovo film urlando a squarciagola come se dovesse convincere delle massaie al mercato. Nella foga di spiegare perché non bisogna assolutamente perdersi questa pellicola, l’attore ha anche sbagliato la data d’uscita, dicendo “12 dicembre” anziché “12 aprile”, un lapsus poi corretto dai conduttori. Nei 30 secondi a disposizione, Favino ha anche trovato il tempo per illustrare le trasmissioni che lo vedranno ospite per parlare della pellicola diretta da Simone Godano: Verissimo su Canale 5, Domenica In con Pippo Baudo e proprio oggi a EPCC, “E poi c’è Cattelan”. Clicca qui per vedere il video di Pierfrancesco Favino a Edicola Fiore sulla pagina Facebook dell’attore. (Aggiornamento di Linda Irico)

Moglie e marito è una pellicola comica in uscita nelle sale cinematografiche italiane da mercoledì 12 aprile 2017. Il film è stato diretto dal regista Simone Godano (per lui è il primo lungometraggio della sua carriera) ed interpretato da Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak, Gaetano Bruno e Valerio Aprea. 

Andrea, interpretato da Pierfrancesco Favino, è un neurochirurgo sposato con Sofia, interpretata da Kasia Smutniak, un famoso volto dello star system televisivo. La coppia, unita in matrimonio da molti anni, ha due figli ma da tempo Andrea e Sofia non si sopportano per via di inconciliabili e continue incomprensioni che minano alla base il loro rapporto. Il sentimento che anni prima li legava sembra ormai svanito per sempre. Decidono così di recarsi da un terapista di coppia per tentare di risollevare le sorti del loro matrimonio. Ma durante la seduta appaiono profondamente lontani l’uno dall’altra e incapaci di comprendere le rispettive ragioni. Marito e moglie si scambieranno i corpi: Andrea entrerà nel corpo di Sofia e Sofia in quello di Andrea. Il risultato dello strano esperimento produrrà ovviamente risultati comici e bizzarri che in realtà serviranno alla coppia per comprendere chiaramente le ragioni dell’altro e salverà il loro matrimonio. 

Il film Moglie e marito è il primo lungometraggio diretto da Simone Godano. La sceneggiatura è stata scritta a quattro mani da Giulia Stegerwalt e Carmen Danza. La Stegerwalt è di origini americane e dunque conosce a fondo le caratteristiche del genere di film statunitense dedicati allo scambio d’identità. La sceneggiatura sembra essere uno dei grandi punti di forza del film per non parlare dell’ottima prova attoriale dei due protagonisti Kasia Smutniak e Pierfrancesco Savino. In particolar modo la Smutniak è riuscita a plasmare la sua interpretazione in maniera egregia sulla gestualità di Savino mentre quest’ultimo si è inspirato in generale alle classiche movenze femminili senza fare un diretto riferimento alla Smutniak. Nel complesso la pellicola è estremamente divertente ed adatta a tutta la famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori