Elena Majoni/ “Gabriele Muccino mi ha infangata anche di fronte a nostro figlio”

- Anna Montesano

Elena Majoni torna a parlare di Gabriele Muccino in un’intervista al settimanale Grazia: “Mi ha dipinta come una ‘donnetta’ meschina anche con nostro figlio”

gabriele_muccino_facebook
Gabriele Muccino

Elena Majoni torna a parlare di Gabriele Muccino: “Ecco come nostro figlio è venuto a conoscenza di tutto” – In una lunga intervista al settimanale Grazia, Elena Majoni torna a parlare di Gabriele Muccino partendo proprio dallo schiaffo che, stando alle sue dichiarazioni, le ha provocato la perforazione del timpano e danneggiato la carriera da musicista, cosa che sarebbe documentata da vari referti medici. “Ho atteso che tutti i processi pendenti fossero chiusi per lasciare che fosse la giustizia a parlare per me. Il giudice civile si è espresso non solo sulla base delle nuove prove fornite, ma soprattutto sull’esito delle perizie psicologiche condotte sulla mia famiglia e su quella di Gabriele e dei suoi genitori”, spiega la Majoni, che ha recentemente ottenuto l’affidamento esclusivo del figlio 14enne avuto appunto con Gabriele Muccino. Elena svela di aver raccontato i fatti a suo figlio con grande cautela, cercando di non essere brusca nel raccontare fatti così crudi, poi però “Quando mio figlio è cresciuto e ha cominciato a navigare su internet, le ha lette”.

Elena Majoni torna a parlare di Gabriele Muccino: “Infangata pubblicamente e anche con nostro figlio” – Da qui Elena Majoni svela che la situazione ha preso una piega diversa: “Quando ci siamo lasciati, Gabriele mi ha dipinta come una ‘donnetta’ meschina. L’ha fatto pubblicamente e poi, negli anni, anche con nostro figlio. – svela l’ex del noto regista, poi arriva al punto di svolta – Un giorno, però, mio figlio mi ha chiesto: ‘Perchè hai permesso che papà parlasse così di te?’. E ho sentito il bisogno si ristabilire la verità pubblicamente, così come pubblicamente ero stata infangata”. È arrivata la denuncia che, dice la Majoni, le ha fatto davvero bene “Perché, quando passi anni a proteggere la persona che ti ha fatto male, hai una gran paura di accusarla a voce alta. E quella paura ti scava dentro”. Oggi Elena si ritiene una sopravvissuta e anche fortunata per aver ritrovato l’amore con Nicola che oggi è suo marito.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori