Castelmezzano/ La festa del maggio e la crisi demografica (Finalista Il Borgo dei Borghi)

- Alessandra Pavone

Il borgo di Castelmezzano, si trova nella provincia di Potenza caratteristico per le sue costruzioni incastonate nella roccia (Il borgo dei borghi, 16 aprile 2017)

castelmezzano_borgo_wikipedia_2017
Castelmezzano

Castelmezzano è il paesino della Basilicata in gara per la vittoria nel concorso Il Borgo dei Borghi 2017 di Kilimangiaro. E chissà che il programma di Rai Tre non riesca anche ad invertire il trend negativo riguardante l’evoluzione demografica. Come riportato da Wikipedia, a partire dal 2000, quando i residenti erano in tutto 2033, le persone che abitano il borgo in provincia di Potenza sono più che dimezzate: nel 2011, infatti, a vivere a Castelmezzano erano solo 852 persone. Tra gli eventi più attesi dalla popolazione del posto vi è sicuramente la Festa del maggio. Non lasciatevi ingannare: questa, infatti, ha luogo il 12 e 13 settembre durante la festa di Sant’Antonio e viene anche denominata “Sposalizio degli alberi”. La manifestazione viene così riassunta dall’enciclopedia online:” Il punto saliente della manifestazione è un lungo tronco di cerro, scelto e tagliato con gli strumenti tradizionali dei boscaioli, per poi essere trasportato da coppie di buoi fino al paese. Giunti a destinazione, il tronco viene innalzato dopo aver “sposato” “la cima”, un agrifoglio anch’esso trasportato in paese in spalla da giovani. Il maggio è così pronto per essere scalato da giovani robusti”. (aggiornamento di Dario D’Angelo)

È un piccolo borgo in provincia di Potenza che ha da sfondo il meraviglioso scenario delle Dolomiti lucane. Borgo dalla struttura medievale, Castelmezzano, ed in particolare il suo centro storico, è notevolmente suggestivo poichè le sue costruzioni sono incastonate nella roccia e tra i vicoletti vi sono molte scalinate ripide che portano su vette altissime permettendo così di godere di un meraviglioso panorama. Proprio questo equilibrio perfetto tra componenti naturali e centro abitato ha fatto sì che Castelmezzano fosse inserita tra i borghi più belli del nostro paese. Qui si può visitare la chiesa di Santa Maria dell’Olmo, con la sua facciata del periodo romanico, i resti del castello, probabilmente di epoca normanna, Palazzo Ducale, palazzo del 1700 appartenuto ai signori De Lerma di Castelmezzano, e Palazzo Coiro, costruito nel 1800.

Fuori Castelmezzano, scalinate, sentieri e ponticelli di pietra portano alla vallata del Caperrino, con resti di arcaici mulini; dalla vallata oltrepassando un ponte in pietra, probabilmente di epoca romana, si può risalire e giungere alla vicina Pietrapertosa. Castelmezzano fa parte dell’area del Parco di Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane che offre non solo meraviglie paesaggistiche, ma anche tracce di una storia antichissima come i megaliti dello stanziamento lucano di Croccia Cognato, appartenenti al IV sec. a.C. Qui tutti gli anni, nel mese di settembre, in onore di S. Antonio, si celebra uno dei rituali più antichi: la festa del “Maggio”, che costituisce un inno alla fertilità.

Da Castelmezzano si può arrivare a Pietrapertosa, e viceversa, praticando il cosiddetto “Volo dell’Angelo”: imbracati ed attaccati ad un cavo d’acciaio, potrete librarvi in aria avendo così il privilegio di assaporare l’ebbrezza del volo e di un panorama unico come se foste un uccello. Un’esperienza davvero mozzafiato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori