Gioco d’amore/ Sam Raimi alla regia del film su La5: trailer e diretta streaming

- Alessandra Pavone

Gioco d’amore, il film in onda su La5, in prima serata lunedì 1 maggio 2017. Nel cast: Kevin Costner e Kelly Preston diretto da Sam Raimi

la5_logo
Tammy, Il film in onda su La5

La5 ci propone uno dei film più controversi e meno conosciuti di Sam Raimi, Gioco d’amore. Il regista noto per la trilogia de La Casa si muove su un contesto diverso che comprende lo sport e anche le emozioni che ne conseguono. Sicuramente ci troviamo di fronte a una pellicola molto emotiva e lo si capisce già dal trailer, clicca qui per guardarlo. Il film può contare anche su un cast di altissimo livello, il protagonista è Kevin Costner che interpreta il ruolo di Billy Chapel. Troviamo inoltre anche altri personaggi di livello come Brian Cox, Hugh Ross e Jena Malone. Sarà possibile seguire Gioco d’amore su La5 e anche in diretta streaming sui portali mobili come tablet, pc e smartphone cliccando qui. (agg. di Matteo Fantozzi)

Su La5 va in onda un film poco conosciuto, ma davvero da non perdere come Gioco d’amore. La pellicola del 1999 è stata diretta dal regista Sam Raimi e rimane un episodio un po’ avulso dal resto della carriera del classe 1959 di Royal Oak. Questi infatti è diventato famoso per una trilogia horror e cioè quella de La Casa. Il primo capitolo del 1981 è il suo debutto cinematografico, mentre i due successivi capitoli sono la conferma di un grandissimo talento pronto a tutto. Nel 1990 realizza poi un altro horror divenuto un vero e proprio cult, Darkman. Gioco d’amore si colloca nel 1999 tra Soldi sporchi e The Gift – Il dono. Prima ancora aveva diretto anche un western dal cast incredibile come Pronti a morire del 1995. Nel nuovo millennio ha diretto la trilogia di Spider-Man oltre a Drag me to hell e Il grande e potente Oz. (agg. di Matteo Fantozzi)

Gioco d’amore è un film ascrivibile al genere sportivo con connotazioni drammatiche, prodotto negli Stati Uniti D’America nel 1999 e diretto da Sam Raimi. La pellicola che è stata prodotta dalla Universal Pictures unitamente alla Beacon Pictures, si basa su un soggetto di Michael Shaara e del suo lavoro letterario intitolato La Partita Perfetta. Tra il cast di attori spicca Kevin Costner, l’attore è affiancato nella sua interpretazione da Kelly Preston e da John C. Reilly, il film che presenta delle musiche composte da Basil Poledouris, non può essere indicato come una prima televisiva, essendo stato programmato parecchie volte sui canali della televisione italiana, sia sui canali via cavo che su quelli della rete pubblica. 

Il film si basa sulla vita di Billy Chape, un grandissimo campione di baseball in forza ai Detroit Tigers. Chape è ormai a fine carriera, la sua sarà infatti l’ultima partita stante un grave infortunio alla mano, unito alla vendita della sua squadra ai San Francisco Giants. Il grande giocatore ha programmato la sua uscita dal diamante erboso, essa avverrà in maniera spettacolare nell’ultima partita di campionato, partita che il suo team deve giocare contro i New York Yankees. Durante quell’ultimo match Billy ripensa ai suoi diciannove anni sportivi, anni in cui ha di fatto sacrificato la sua vita e la sua giovinezza sull’altare del denaro e della popolarità. Soprattutto gli ultimi cinque anni sono stati veramente difficili, Billy aveva infatti iniziato una relazione con la bella Jane, relazione sacrificata però dai suoi continui viaggi nei campi di tutta la nazione. Mentre la partita avanza inesorabile, la donna sta per prendere una decisione irreversibile, ella è infatti in aeroporto in attesa di prendere un aereo per l’Europa, continente nel quale gli è stato offerto un lavoro a cui non vuole rinunciare, rodendosi nell’attesa non riesce però a non guardare in TV quello che è ormai il suo ex fidanzato, impegnato sul rettangolo di gioco. Billy perso nei suoi ricordi non riesce però a concentrarsi sui suoi lanci, e per questo dopo due banali sbagli viene messo dall’allenatore in panchina. Non deve essere questo l’epilogo della sua carriera, e ritrovata la verve agonistica entra in campo e realizza il “gioco perfetto”, gioco che sottolineato dagli applausi del pubblico, fa da sfondo alla sua trionfale uscita dal campo, un uscita che sarà per sempre. In albergo l’ormai ex giocatore non riesce ad avere pace, non solo quella è la sua ultima sera da professionista, ma non riesce a dimenticare la bella Jane, che ormai crede persa per sempre e atterrata a Londra. L’indomani però come spinto dal suo istinto si reca comunque all’aeroporto, qui trova la sua donna che gli confessa che la sera prima estasiata dal suo “gioco perfetto” aveva perso l’aereo, una perdita che aveva fatto sfumare il suo lavoro europeo, ma gli permetterà visto il suo arrivo di continuare il suo amore americano. 

La pellicola nonostante un ottimo cast di attori non ha avuto nessun successo, né tra la critica né al box office. In tale contesto la critica cinematografica l’ha indicato come uno dei peggiori film dell’ultimo secolo, cosa che gli è valsa la vittoria sia del Razzle (il premio in antitesi con l’Oscar) sia del Stinkers Bad Movie Awards, il più bersagliato dai critici l’attore principale, con molti che hanno additato l’interpretazione di Costner come la sua peggior interpretazione. Al box office evidenziata una perdita secca di oltre 50 milioni di dollari, sono stati infatti solo 27 milioni gli incassi globali, a fronte di una spesa dichiarata dalla produzione di oltre 80. Location americane per la pellicola, con le riprese sportive girate sul campo di Aspen in Colorado. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori