Operazione Siegfried/ Le curiosità sul film con Telly Savalas in onda su Rai3

- Cinzia Costa

Operazione Siegfried, il film in onda su Rai 3 oggi, sabato 17 giugno 2017. Nel cast: Telly Savalas e Robert Culp, alla regia Peter Duffell. Ma ecco la trama del film nel dettaglio.

operazione_siegfried
Operazione Siegfried

Operazione Siegrfied, è il film che verrà trasmesso su Rai 3 oggi, sabato 17 giugno 2017, diretto da Peter Duffell e basato su un soggetto scritto da Judd Bernard professionista che ha curato finanche la sceneggiatura unitamente al regista. Il film annovera un grande cast di attori tra cui Telly Savalas e Robert Culp mentre la produzione è stata affidata alla Columbia Pictures Industries casa di produzione che ha curato finanche la distribuzione in Italia. Il film vista anche l’anzianità di produzione è apparso parecchie volte all’interno dei palinsesti televisivi del Bel Paese, riscuotendo sempre un ottimo successo da parte degli amanti del genere. Il film si rifà integralmente ad una storia realmente accaduta, con la scomparsa di un treno di preziosi mai ritrovato dagli alleati dopo la fine della guerra di liberazione. La figura di Holtz è da ricondurre a quella di Hess, gerarca nazista che all’epoca della produzione della pellicola scontava la sua pena nel carcere militare di Spandau. Le riprese furono effettuate in Olanda, con il carcere della pellicola ricreato artificialmente in un fabbricato della capitale Amsterdam. Il film all’uscita ebbe qualche critica, soprattutto da parte dell’allora Russia che ne vieto la visione nelle sue sale cinematografiche.Da sottolineare comunque il buon successo al botteghino, con incassi che superarono abbondantemente la cifra messa a disposizione dalle case di produzione per la realizzazione della pellicola.

, il film in onda su Rai 3 oggi, sabato 17 giugno 2017 alle ore 15.55. Una pellicola d’azione con connotazioni spionistiche che è stata prodotta nel lontano 1975 negli Stati Uniti d’America. La pellicola è stata diretta da Peter Duffell, essa si basa su un soggetto scritto da Judd Bernard professionista che ha curato finanche la sceneggiatura unitamente al regista. Il cast è invece formato dagli attori Telly Savalas e Robert Culp che detengono la parte principale del lavoro cinematografico. Il film, vista anche l’anzianità di produzione è apparso parecchie volte all’interno dei palinsesti televisivi del bel paese, riscuotendo sempre un ottimo successo da parte degli amanti del genere. Ma vediamo la trama del film nel dettaglio.

Il film si rifà alla storia del treno dell’oro, un treno carico di materiale prezioso che nel 1941 doveva essere portato nelle vicinanze di Berlino ma che è misteriosamente scomparso. Venuto a conoscenza della sparizione, l’ex colonnello tedesco Furben si interessa immediatamente della storia, stante la sua volontà di procedere al recupero del prezioso carico. Furben mette immediatamente in campo una squadra di recupero fatta da variegati personaggi, tra cui un infermiera, un colonnello sovietico e un ex spia inglese, tutti si riuniscono in una villa vicino Berlino per mettere in piedi la difficile operazione.

Il gruppo, con uno stratagemma riesce a entrare nella prigione Siegfried, luogo di detenzione dove vive il criminale nazista Reinhard Holtz, ex mente occulta del trasferimento dell’oro e organizzatore del viaggio del treno scomparso.

La speranza del gruppo di malfattori è quella di ricevere qualche indicazione da Holtz, indicazioni che li potrebbero mettere sulla strada giusta e agevolare il recupero del carico. Tutto viene tentato, alla fine Furben decide di drogare Holtz, sotto l’influsso delle sostanze stupefacenti il vecchio soldato viene introdotto in una stanza dove permane un attore che interpreta un redivivo Hitler, quest’ultimo agendo sulla psicologia dell’anziano militare riesce ad avere le indicazioni giuste, indicazioni che portano il gruppo di recupero a rintracciare il carico. Tutto sembra andare per il verso giusto ma il gruppo non ha fatto i conti con il tradimento del colonnello russo, un tradimento che li lascerà alla fine a mani vuote.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori