LA GATTA SUL TETTO CHE SCOTTA/ Su Iris il film con Elizabeth Taylor e Paul Newman (24 giugno 2017)

La gatta sul tetto che scotta il film in onda su Iris, in prima serata sabato 24 giugno 2017. Nel cast: Elizabeth Taylor e Paul Newman. La trama nel dettaglio

24.06.2017 - Alessandra Pavone
iris-logo
Red Dragon su Iris (logo)

La programmazione di Iris nella prima serata televisiva di questo sabato 24 giugno prevede la messa in onda della pellicola di genere drammatico La gatta sul tetto (titolo in lingua originale Cat on a Hot Tin Roof). Si tratta di una pellicola del 1958 realizzata negli Stati Uniti d’America dalla casa cinematografica della Metro Goldwyn Mayer in collaborazione con la Avon Productions per la regia di Richard Brooks, il soggetto che è stato tratto dal dramma teatrale scritto da Tennessee Williams mentre la sceneggiatura è stata adattata dallo stesso regista in collaborazione con James Poe. Il montaggio è stato eseguito da Ferris Webster, le musiche della colonna sonora sono state composte da Charles Wolcott mentre i costumi di scena utilizzati durante le riprese sono stati disegnati da Helen Rose. Nel cast nomi eccellenti del firmamento cinematografico di Hollywood come Elizabeth Taylor, Paul Newman, Burl Ives e Jack Carson. 

La pellicola vede come protagonista la famiglia benestante dei Pollitt, composta dal padre Harvey (Burl Ives), da sua moglie, una donna molto fedele e sempre devota all’amato marito. La coppia ha due figli, Brick (Paul Newman) che è felicemente sposato con Margaret, e l’altro figlio è Cooper (Jack Carson) marito di Mae. Tuttavia quello che sembrava un matrimonio felice in realtà non lo è in quanto Brick dopo un forte litigio ed una serie di malintesi con sua moglie Margaret si è chiuso in se stesso allontanandosi sempre più da lei e dalla sua famiglia trovando rifugio nell’alcool.

Inoltre Brick aveva anche una forte passione per il gioco del calcio, infatti era solito incontrarsi con i suoi amici con i quali spesso si divertiva nel fare qualche partita di pallone. Tra questi vi è il suo migliore amico e compagno di gioco, Skipper con il quale ha sempre avuto un rapporto di reciproca stima e affetto. Tuttavia Margaret, gelosa del rapporto che suo marito aveva con Skipper aveva raccontato a Brick che Skipper aveva più volte provato a corteggiarla anche se lei si era sempre rifiutata. Questa notizia manda su tutte le furie Brick che decide di affrontare l’amico a muso duro con una conseguente e violenta lite. Skipper, dal canto suo, amareggiato da questa ramanzina dell’amico, e deluso dal suo atteggiamento aveva deciso di togliersi la vita.

Nel frattempo i problemi nella famiglia Pollitt non sono finiti in quanto al padre famiglia, al signor Harvey viene diagnosticato un male incurabile con conseguente morte di lì a pochi mesi. Tutta questa situazione raggiunge il culmine della sofferenza e del dolore quando i coniugi, Cooper e Mae, iniziano a mostrare palesemente di essere soltanto preoccupati di assicurarsi in qualche modo un futuro grazie alla ricca eredità di Harvey. Mentre Brick e Margaret si trovano a fare i conti con un forte disaccordo in merito a molte questioni importanti. 

Il film nell’anno 1959 ha ottenuto ben sei nomination agli oscar senza riuscire a portarne a casa uno (tra cui il Miglior Film e la Miglior Regia). La principale protagonista è l’indimenticata attrice americana Elizabeth Taylor conosciuta anche con il diminutivo di Liz Taylor. Nata ad Hampstead Garden Suburn nel febbraio del 1932. Nella propria eccezionale carriera ha portato a casa due volte il Premio Oscar come miglior attrice per le interpretazioni rese nei film Venere in visone e Chi ha paura di Virginia Wolf. Famosa anche per i suoi otto matrimoni ha esordito al cinema nel 1946 nella pellicola Il coraggio di Lassie diretta da Fred M. Wilcox. Tra le sue pellicole più celebri ricordiamo Cleopatra, Il padre della sposa, Qui vadis?, Il gigante, La bisbetica domata, L’ultima volta che vidi Parigi, La pista degli elefanti, Vita inquieta, Ivanhoe e tantissimi altri ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori