APB/ Anticipazioni puntata 6 giugno: Gideon ha mentito a tutti?

- Morgan K. Barraco

APB, anticipazioni puntata 6 giugno 2017, in prima Tv assoluta su Fox. Murphy scopre che le accuse di DV8 contro l’ingegnere potrebbero non essere infondate

apb_01_facebook_2017
Apb, in prima Tv assoluta su Fox

Nella seconda serata di oggi, martedì 6 giugno 2017, la Fox trasmetterà un nuovo episodio di APB, in prima Tv assoluta. Sarà l’11°, dal titolo “L’ipotesi dei sali da bagno”. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati: in seguito a diversi crimini, il 13° Distretto inizia ad indagare su diversi crimini che sembrano collegati ad uno stupratore seriale. La macchina di Ada (Caitlin Stasey) invece viene controllata da remoto da DV8 (Ty Olwin), che la minaccia di rivelare il suo coinvolgimento nelle ultime violazioni e le impone di collaborare. Ascoltando alcune registrazioni rilevate sulle scene del crimine, Gideon (Justin Kirk) riconosce un noto spacciatore e decide di avvalersi del suo aiuto per riuscire a risalire allo stupratore. Conrad (Ernie Hudson) non è felice di sapere che ad Andre (Deron J. Powell) verrà fornita ancora più visibilità, ma Gideon e Murphy (Natalie Martinez) riescono a convincerlo. Più tardi, Ada incontra il suo vecchio professore e gli rivela che DV8 ha cercato persino di ucciderla, ma Malkova (Alan Rosenberg) le sottolinea quanto sia pericoloso.

Dietro qualche insistenza, il professore le riferisce dell’esistenza di un gruppo hacker noto come Command Alt, che potrebbero fornirle delle informazioni per fermare DV8. Caricando tutti i video donati da Andre e grazie alle immagini catturati dal drone, Gideon e Murphy si mettono a cercare l’ultima vittima dello stupratore, scomparsa durante una festa in un parco. Grazie all’aiuto di Murphy, la squadra scopre che Kayla (Kayla Carter) ha incontrato un uomo prima di allontaanrsi dal party e che si tratta di un giocatore dei Vipers. Risalgono così a Carlos Wells (Dominique Worsley), che risulta avere anche dei precedenti per rissa aggravata. Nel frattempo, Ada rintraccia DV8 in un edificio abbandonato, ma il suo cavo ottico viene scoperto ed è costretta a fuggire. Più tardi, grazie all’aiuto di Andre, Gideon e Murphy scoprono da un testimone che lo stupratore potrebbe essere in realtà un agente di sorveglianza.

Dopo aver identificato Vince Yardley (Brian Nelson Jr.), Conrad organizza la squadra per procedere alla cattura.  Grazie al controllo da remoto, Gideon riesce a localizzare alcune voci di donna fino ad individuare il piano di Kayla, mentre Murphy si aggira per la città in cerca della vittima. Nonostante riesca a trovare la ragazza, Yardley riesce a fuggire a bordo della sua auto, ma la Polizia si lancia nel suo inseguimento, fino a che il sospettato va a sbattere contro un idrante e fugge a piedi. 

Conrad capisce che solo la rete di criminali di Andre potrà essere utile per riuscire a rintracciare Yardley, ma la Polizia è costretta ad intervenire prima che lo uccidano. Murphy si trova quindi in una situazione di stallo, ma Gideon riesce a parlare ad Andre grazie al drone ed a convincerlo a lasciare andare lo stupratore. 

Nel nuovo episodio di APB, il 13esimo Distretto dovrà confrontarsi duramente con DV8. Le minacce di Ada sembrano infatti non aver sortito l’effetto desiderato e l’hacker è in grado di incastrare sia il Distretto che Gideon, come programmato. L’ingegnere e la squadra lavorano quindi per poter fermare il team di DV8 prima che sia troppo tardi, mentre Murphy scopre che forse l’hacker non ha tutti i torti. Trova un sistema di videosorveglianza che sfrutta la tecnologia più avanzata e che viola i diritti dei cittadini previsti dal quarto Emendamento. A che cosa sta lavorando realmente Gideon? I sospetti che voglia davvero realizzare uno Stato di Polizia diventano sempre più insistenti. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori