Ragione o sentimento/ Le curiosità sul film con Kate Winslet e Hugh Grant (oggi, 7 luglio 2017)

- Cinzia Costa

Ragione o sentimento, il film in onda su Canale 5 oggi, venerdì 7 luglio 2017. Nel cast: Emma Thompson, Kate Winslet e Hugh Grant, alla regia Ang Lee. La trama del film nel dettaglio.

ragione-e-sentimento-13_1
Ragione o sentimento

Ragione o sentimento, è il film che andrà in onda su Canale 5 oggi, venerdì 7 luglio 2017. Una pellicola di genere drammatica e sentimentale che è stata affidata alla regia di Ang Lee è stata prodotta nel 1995, ha visto le partiture musicali composte da Patrick Doyle e si basa su un soggetto scritto da Jane Austen, la scenografia è stata invece affidata dalle case di produzione (Columbia Pictures Corporation, Mirage Enterprises). Il film alla sua uscita vide una distribuzione capillare in tutto il mondo, quest’ultima portò ad incassi entusiasmanti, con le case di produzione che dichiararono un guadagno stimato al box office di oltre quaranta milioni di dollari americani (a fronte di una spesa inferiore ai sedici). Location tutte inglesi con buona parte delle scene giurate nelle campagne del sud est della Gran Bretagna. Anche la critica riservo alla pellicola un successo fuori dal comune, una decina le nomination all’Oscar dell’anno di uscita, nomination che culminarono nella vincita dell’ambita statuina nella categoria Miglior sceneggiatura, stessa vincita anche al Golden Globe, premio che fu vinto anche nella categoria Miglior film drammatico

, il film kin onda su Canale 5 oggi, venerdì 7 luglio 2017 alle ore 16.30. Una pellicola dal genere drammatica e sentimentale ed è stata diretta da Ang Lee e prodotta nel 1995 grazie ad una collaborazione anglo-americana, si basa su un soggetto scritto da Jane Austen. Il film negli anni passati è stato più volte programmato all’interno dei palinsesti televisivi italiani riscuotendo sempre un ottimo successo in termine di audience. Tra gli attori principali spiccano Emma Thompson, Kate Winslet e Hugh Grant. Ma vediamo la trama del film nel dettaglio. 

La trama vede la vita della famiglia Dashwood che viene colpita improvvisamente dalla morte del capo famiglia e lascia la coniuge e le sue figlie Elinor, Marianne e Margaret, di fatto in povertà assoluta. Come se non bastasse l’unico avere, la casa di famiglia, per eredità va al figlio di primo letto John, egli spinto dalla moglie Fanny contravvenendo ad una promessa fatta al padre, tratta le sue sorellastre e la seconda moglie del padre come persone non desiderate nella loro stessa casa e di fatto le costringe a traslocare. La storia si interconnette nell’amore che una delle figlie, Elinor prova per il fratello di Fanny, Edward, un uomo tranquillo che mal digerisce le pressione della madre e della sorella, che lo vorrebbero nella vita politica e sociale del luogo dove vivono.

La situazione degenera e la famiglia lascia la loro casa per trasferirsi in un cottage messo loro a disposizione da un lontano cugino che lo affitta a prezzo di favore. Nelle vicinanze abita il colonnello Brandon. Le malelingue del luogo immediatamente danno l’uomo come l’amante della secondogenita Marianne, un amore impossibile stante l’antipatia che la donna prova per il militare, uomo che viene visto come uno scapolo incallito ed eterno donnaiolo. Improvvisamente a causa di un piccolo incidente Marianne si innamora di un giovane galante, Mister Willoughby, egli però improvvisamente parte per Londra non dopo essere diventato intimo con la donna.

Tutte le storie continuano nel solco della tradizione inglese che vede a volte prevalere l’interesse a posto dell’amore. Ed è proprio l’interesse ad aver spinto Mister Willoughby a lasciare la sua innamorata, egli ha infatti preferito sposare una donna che gli garantiva un futuro, a posto di dar credito al cuore che lo gettava nelle braccia della secondogenita della famiglia Dashwood. Marienne ormai smaliziata decide per questo di sposare il colonnello Brandon, uno sposalizio che alla fine gli farà capire di amare intensamente un uomo per il quale all’inizio provava solamente repulsione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori