NEK/ Il rapporto con la figlia adottiva (Techetechetè)

- Francesca Pasquale

La puntata di Techetechetè in onda questa sera nell’access prime time di Rai 1, viene dedicata ad uno dei cantanti italiani più amati: Filippo Neviani in arte Nek.

nek_hidden_singer_cs_2017
Nek, il concerto all'Arena di Verona

NEK E MARTINA NEVIANI

“Hai compiuto un passo importante. Stai crescendo ma soprattutto ti stai realizzando. Sono molto orgoglioso di te”. Queste le parole che Filippo Neviani in arte Nek dedica alla figliastra Martina in occasione della sua laurea. Martina Imarisio Neviani è nata da una precedente relazione di Patrizia Vacondio, l’attuale compagna di Nek. Non una vera e propria figlia adottiva, dunque, ma il rapporto non è dissimile: “La nostra è sempre stata una grande famiglia. Il doppio cognome glielo dovevo, per tutto quello che ha fatto negli anni per me”, ha dichiarato Martina nel corso dell’ultima intervista al Maurizio Costanzo Show. “Abbiamo un bellissimo rapporto. È un artista e va preso come tale. Io con lui ho la confidenza che avrei con un papà. È chiaro che con mamma ho un rapporto completamente diverso”. E Nek: “Sin da giovanissima è una persona che si adatta facilmente alle situazioni. Abbiamo cercato di proteggerla, io ho cercato di esser presente, ma solo fino a un certo punto per rispetto del padre”. (agg. di Rossella Pastore)

UNICI IN TOUR

“#pescara un’onda di entusiasmo!! Grazie di cuore. #uniciintour #uniciband #nonmifermomai”. Questo il saluto social di Filippo “Nek” Neviani a Pescara, l’ultima delle tappe del suo Unici in Tour. Nek si è esibito al Teatro D’Annunzio sul lungomare Cristoforo Colombo, zona sud della città, coinvolgendo i presenti con i brani più rinomati e “ballabili” del suo repertorio. Questa sera si replica a San Pancrazio Salentino, dove Neviani porterà tutta l’allegria e il sound di Unici e dei suoi singoli Differente e Uno di questi giorni. L’artista emiliano sarà accompagnato dalla sua band: Emiliano Fantuzzi (chitarra, tastiere e programmazioni), Luciano Galloni (batteria), Chicco Gussoni (chitarra) e Lorenzo Poli (basso). (agg. di Rossella Pastore)

LA DEDICA ALLA MOGLIE PATRIZIA

Questa sera nella trasmissione Techetechetè, in onda nell’access prime time di Rai 1, viene dato spazio non solo per ricordare grandi artisti del passato ma anche attuali protagonisti del mondo dello spettacolo italiano come nel caso del cantante Filippo Neviani meglio conosciuto dai propri fan con il nome d’arte di Nek. Negli ultimi giorni, tuttavia, Nek non solo sta attirando l’attenzione dell’opinione pubblica per le sue straordinarie performance canore ma anche per la bellissima frase che ha voluto dedicare alla moglie Patrizia sui social. Nello specifico il cantante ha scritto: “Tutto passa.. solo il tuo amore resta”. Una frase che è segnale di un rapporto molto solido costruito dai due anche e soprattutto sapendo affrontare una dura cristi del passato. Infatti, in un’intervista di qualche tempo fa rilasciata a Vanity Fair, Nek ha parlato della crisi: “ ..le volte che ho preso questo gioco sottogamba sono state quelle in cui mi sono fatto più male, con il rischio di conseguenze pesanti. Non mento più… Non importa che fosse ‘Sono da un amico’ o ‘Sono a casa tranquillo’. Conta che stavi facendo altro, hai cambiato il senso delle cose, distorto la realtà, non sei stato trasparente.. Ammettendo lo sbaglio. Chiedendo scusa. Guardandoci negli occhi, trovando lì la conferma del sapere che siamo fatti l’uno per l’altra”.

NEKA TECHETECHETE’, TRA PASSATO PRESENTE E FUTURO

In una recente intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, Nek ha parlato del suo ultimo album Unici, del tour, della propria carriera e soprattutto dei prossimi progetti futuri. Nello specifico l’artista ha evidenziato: “Dopo 25 anni di successi oggi posso ritenermi felicissimo, tanto che dopo il tour nazionale assai impegnativo a livello fisico e mentale, andrò in Spagna per un importante evento, dopo che lo scorso marzo a Madrid sono stato accolto con tutti gli onori durante la manifestazione Cadena 100, uno dei network radiofonici più importanti del Paese… Futuro? Intanto mi sto concentrando sul tour, poi penserò a un nuovo album che sarà molto diverso dai precedenti, il disco del cambiamento. Mi piacerebbe anche lavorare con il regista Ferzan Ozpetek, o scrivere una colonna sonora per un suo film. È uno di quei registi in grado di emozionarmi davvero. L’album Unici? C’è stato un utilizzo più maturo dell’elettronica, sull’onda del brano arrivato secondo a Sanremo 2015. Ho cercato di stare al passo dei tempi senza però tradire le mie passioni. In studio di registrazione ho suonate le chitarre e il basso, batteria e piano”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori