TRAVOLTI DA UN INSOLITO DESTINO…/ Diretta streaming del film con la Melato su Rete 4 (oggi, 14 agosto)

- Fabio Belli

Travolti da un insolito destino… il film in onda su Rete 4 lunedì 14 agosto. Una delle interpretazioni cinematografiche memorabili della coppia Giancarlo Giannini-Mariangela Melato

melato_travolti_destino_youtube_2017
Mariangela Melato in "Travolti da un insolito destino..."

COME SEGUIRE IN DIRETTA STREAMING IL FILM IN ONDA SU RETE 4

Serata dedicata al cinema d’autore su Rete 4 con la messa in onda del film del 1974 di Lina Wertmuller Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto. Giovanni Grazzini a Cinema ’74 dove sottolinea come la regista sia stata perfetta nella ”pittura dei protagonisti”. Ovviamente il critico non lesina complimenti a Giuseppe Giannini e Mariangela Melato che sono assai affiatati. Del film invece dice che ha ”tronco robusto e lieta fioritura”. Il pubblico premia assolutamente il film e addirittura i severi lettori di Imdb (Internet Movie Database) sottolineano questo con un bel 7.7 su 10 di media a fronte di oltre quattromila giudizi. Purtroppo online non c’è un trailer da cui poter trarre delle anticipazioni. Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto va in onda stasera su Rete 4 dalle ore 21.15 e potremo seguirlo anche sul portale di Mediaset in diretta streaming cliccando qui. (agg. di Matteo Fantozzi)

CURIOSITÀ SUL FILM IN ONDA SU RETE 4

Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” è la pellicola che forse ha caratterizzato meglio la coppia Melato-Giannini sotto la direzione di Lina Wertmuller. La location scelta per il film è stata la costa orientale della Sardegna: sono stati scelti lidi diversi nonostante i protagonisti sembrino essere sempre nello stesso tratto di spiaggia. Negli stessi luoghi è stato girato anche il remake del film, girato da Guy Ritchie con Madonna protagonista, “Swept Away”. Nel film vengono citate le poesie di Sandro Penna ed un grande successo musicale dell’estate del 1974, anno di produzione del film, ovvero “Signora mia” di Sandro Giacobbe. Alla fine del film Lina Wertmuller si diverte a far citare involontariamente al rozzo e per nulla colto cittadino una poesia greca resta famosa in Italia dalla traduzione di Salvatore Quasimodo, ovvero l’Epodo di Strasburgo, con il verso: “Mare traditore, che mi fosti amico un tempo e poi mi camminasti sopra il cuore.”

LINA WERTMULLER ALLA REGIA

Nella prima serata del 14 agosto alle ore 21.15, su Rete 4 andrà in onda un classico della commedia all’italiana, Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto. La pellicola è stata diretta da Lina Wertmuller nel 1974 e si snoda lungo l’arco di 125 minuti. I protagonsti nonché mattatori assoluti della pellicola sono Mariangela Melato nella parte di Raffaella Pavone Lanzetti e Giancarlo Giannini nel ruolo di Gennarino Carunchio. Isa Danieli interpreta la moglie di Carunchio, Eros Pagni il giornalista e Riccardo Salvino il signor Pavone Lanzetti.

LA TRAMA

La protagonista di “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” è Raffaella Pavone Lanzetti, una giovane donna che non esita ad ostentare ricchezza e anticomunismo appena possibile. Mentre sta passando le sue vacanze su un lussuoso yacht, proprio nel bel mezzo del Mediterraneo, insieme ad amici che hanno i suoi stessi gusti e vizi, il suo modo altezzoso di trattare gli altri viene immediatamente notato da Gennarino Carunchio, un marinaio di umili origini che è a sua volta comunista. La sua fede politica lo porta ben presto a disprezzare in maniera evidente quella donna che non esita a farsi forte della sua posizione privilegiata per umiliare coloro i quali sono costretti a lavorare sulla nave per sbarcare il lunario. 

Quando però un guasto al motore di un gommone obbliga la coppia a dover convivere su un’isola deserta, la situazione è destinata a cambiare radicalmente. Nel nuovo ordine sociale instaurato dal fatto che l’isola è abitata soltanto dai due nuovi arrivati, Gennarino diventa sempre più forte ogni giorno che passa, potendo confidare su un atavica arte di arrangiarsi che manca del tutto alla donna. 

Alla fine, la Pavone Lanzetti sarà costretta per forza a diventare una sorta di schiava del marinaio, il quale non esita a sfogare le vecchie frustrazioni non solo di carattere politico. Con il passare dei giorni, però, nasce un nuovo sentimento tra due persone pur così lontane, tanto che la donna decide di non farsi notare da una imbarcazione arrivata nei pressi dell’isola, proprio per non spezzare l’idillio. 
Quando però sarà Gennarino a farlo, per mettere alla prova i sentimenti di Raffaella, il nuovo rapporto non reggerà alla prova dell’evidente differenza sociale esistente tra i due e all’uomo non resterà altra soluzione che ritornare a casa dalla moglie, che è rimasta ad attenderlo nonostante tutto. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori