FABRI FIBRA / “Ecco perchè non ho mai accettato di fare un talent” (Battiti Live)

- Matteo Fantozzi

Fabri Fibra è tra gli ospiti del programma musicale in onda su Italia 1 Battiti Live, condotto da Alan Palmieri ed Elisabetta Gregoraci. Il rapper fa calmore da Andria.

Fabri_fibra_instagram
Fabri Fibra (Foto: da Instagram)

Fabri Fibra è uno dei rapper italiani più amati. Nonostante non ami apparire nel piccolo schermo, il rapper macina un successo dietro l’altro. Eppure rimane la ritrosia al mondo prettamente dello spettacolo, dal quale si distanzia. In un’intervista rilasciata a rockol.it, Fabri ha infatti raccontato: “Me l’hanno chiesto mille volte: mi hanno anche offerto un milione di euro. Io ho detto no, perché, se firmo ‘sto contratto, finisce che te lo devo dare io il milione. Non riuscirei ad arrivare alla fine, alla terza puntata sverrei. Mi prende un attacco di panico, se questi mi urlano, io mi alzo e urlo. Non ce la farei mai. – e non manca una frecciatina ad un collega – Non mi merito di finire a sentire gente che non sa cosa cazzo sta facendo. Vedevo quest’anno Manuel Agnelli… Manuel, ma ti sminuisci così? Stai dando opportunità a dei nullafacenti di avere la tua attenzione!”. (Agg. Anna Montesano)

L’ESIBIZIONE A BATTITI LIVE

Fa ancora clamore la presenza di Fabri Fibra sul palco di Andria, per il Battiti Live. La sua è stata la prima esibizione dell’evento musicale più atteso dell’estate ed ha provocato un forte gradimento nel pubblico presente. Il rapper italiano ha intonato diverse canzoni del suo repertorio, alcune che continuano a rimanere nella memoria dei fan da diversi anni. La sua presenza a Battiti live ha dato anche modo agli ammiratori di entrare in contatto con il loro beniamino in modo più stretto, grazie al meet the star successivo alla sua performance. Potremo ammirarlo in televisione questa sera, mercoledì 16 agosto 2017, grazie alla messa in onda di Battiti Live su Italia 1. L’ultimo lavoro di Fabri Fimbra, Pamplona, lo vede al fianco dei Thegiornalisti, di recente al centro dell’attenzione mediatica nazionale. Assieme a Fenomeno, i due estratti dell’artista che dimostrano l’ultimo successo del rapper, grazie al quale ha ottenuto un disco d’oro. In particolare la sua Fenomeno ha conquistato il disco di platino lo scorso luglio.

MR.20 MILIONI

Mr. 20 milioni: è così che è stato soprannominato di recente Fabri Fibra, grazie ai traguardi che è riuscito a raggiungere con il suo ultimo album. Il boom di visualizzazioni si tratta di una conferma della carriera dell’artista, da sempre al centro dei riflettori nazionali. In autunno lo vedremo impegnato nel nuovo tour che lo porterà in giro per l’Italia, in seguito ad un’estate prolifica che lo ha visto raggiungere la Sardegna alla fine dello scorso luglio. Lo abbiamo visto tra l’altro al recente Wind Summer Festival, al fianco di Fabio Rovazzi e di altri artisti emergenti, uniti in Piazza del Popolo per la premiazione finale. Sotto la guida di Alessia Marcuzzi, Fabri Fibra ha intonato anche in quest’occasione la sua Pamplona, votata come la canzone dell’estate.

LA CARRIERA

Al secolo Fabrizio Tarducci, Fabri Fibra non è solo un rapper ma anche produttore discografico e fratello di Nesli, uno dei maggiori cantautori italiani moderni. Il suo debutto avviene a metà degli anni ’90 grazie a Uomini di Mare, il gruppo di cui farà parte per diversi anni. Entrerà poi nelle diversi succursali della band, ovvero I Qustodi del tempo e Teste Mobili, per poi debuttare come solista, cambiando del tutto il proprio nome d’arte e direzione musicale. Siamo nel 2002 e Fabri Fibra intona Turbe giovanili, con cui raggiunge un successo significativo, per poi dirigersi verso Mr Simpatia, che non solo conferma quanto ottenuto fino a quel momento, ma segna anche la svolta dal punto di vista contrattuale. Si unisce infatti successivamente alla Universal, con cui diffonde Tradimento, l’album che lo porterà verso la fama nazionale. Ha all’attivo 1 milione di copie di dischi, tutti certificati oro, platino e multiplatino, una delle massime onoroficenze in campo musicale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori