Al Bano/ Video: il graffito che lo ritrae immortalato da Yari Carrisi

- Hedda Hopper

Al Bano non è solo tornato in tv nel celebre spot preso di mira dal pubblico di Canale 5 ma adesso campeggia sui muri di Cellino San Marco, parola di Yari Power

Albano_carrisi_wikipedia_2014
Al Bano: Ho paura per i miei figli

La fine dell’estate ha portato con sé tante novità per i fan di Al Bano Carrisi. La celebre ugola d’oro di Cellino San Marco si è rimesso in sesto dopo alcuni problemi di salute e una lunga permanenza in ospedale (non senza polemiche) ma la notizia del momento o, meglio, le notizie è che nelle ultime ore lo abbiamo ritrovato in tv nel famoso spot delle poltrone che lo hanno portato alle cronache della ribalta (per via del suo linguaggio poco chiaro) e che a Cellino San Marco è nato un murales che lo rappresenta. Il volto di Al Bano Carrisi campeggia all’entrata della città pugliese che gli ha dato i natali ormai oltre 70 anni fa e a mostrare l’opera d’arte ai fan del cantante e dell’intera famiglia Carrisi è proprio Yari Carrisi. Sul suo profilo Instagram, il figlio di Al Bano e Romina ha postato il piccolo video che ha girato dall’auto su cui viaggiava ma che ha fatto felice tutti coloro che seguono suo padre. Clicca qui per vedere il video.

GLI AL GRAFFITI CONQUISTANO I SOCIAL

I fan si sono detti pronti ad ammirare l’opera sia coloro che a Cellino ci vivono e sia quelli che ci andranno o si trovano lì in vacanza. Al Bano, intanto, pensa ai suoi prossimi impegni visto che niente sembra riuscire a fermarlo. Il cantante è tornato a prendere in mano le redini della sua vita privata e lavorativa. Proprio lo scorso 28 agosto, Al Bano ha aperto i mondiali di Judo a Budapest cantando l’inno della Federazione Internazionale, della quale è ambasciatore. Il brano è stato scritto dallo stesso Al Bano ma anche da Cristiano Minellono, collaboratore di Iva Zanicchi, Adriano Celentano, Viola Valentino e Toto Cutugno. Su quale palco lo vedremo prossimamente? Sarà davvero uno dei veterani del prossimo Festival di Sanremo 2018? Lo scopriremo solo vivendo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori