Un amore a New York/ Curiosità sul film tratto da un libro di Katie Fforde su Rai 1 (oggi, 7 agosto 2017)

- Bruno Zampetti

Un amore a New York è il film, tratto da un romanzo di Katie Fforde, che va in onda oggi, 7 agosto, su Rai 1. La trama e il cast della commedia di genere sentimentale

Un_amore_a_New_York_Web
Un amore a New York

CURIOSITÀ SUL FILM IN ONDA SU RAI 1

Nel cast di Un amore a New York, film tratto da un romanzo di Katie Fforde, gli attori che interpretano i protagonisti principali sonoBirte Hanusrichter e Renè Ifrah. La prima è un’artista molto nota per la sua estrema versatilità. Componente della band Young Chinese Dogs, a partire dai primi anni del nuovo millennio ha iniziato a recitare sia su piccolo che su grande schermo, in una serie di produzioni promosse dalla televisione pubblica tedesca. Inoltre ha preso parte a molte rappresentazioni teatrali, confermando tutto il suo notevole talento. Renè Ifrah è noto al pubblico italiano per la parte svolta in I misteri di Villa Sabrini, una coproduzione italo-tedesca andata in onda anche nel nostro Paese, in cui ha recitato la parte di Francesco Sabrini, un nobile alle prese con uncaso estremamente inquietante che riguarda la sua famiglia e che è sfociato in una serie di uccisioni. Ha anche preso parte a serie molto note anche in Italia, come Homeland, ove nel corso della quinta edizione ha interpretato la parte di un terrorista, Bibi, che trova infine la morte nel finale di stagione. Un ruolo che potrebbe aprirgli la porta per altre produzioni di prestigio nell’immediato futuro.

IL CAST DEL FILM

Un amore a New York è un film che fa parte del ciclo dedicato a Katie Fforde, l’autrice di romanzi rosa. Si tratta quindi di una commedia sentimentale, diretta nel 2014 da Helmut Metzger. Il cast è composto da Birte Hanusrichter, Cecil von Renner, Renè Ifrah, Kai Ivo Baulitz, Yolette Thomas, Martin May, Jack Burk Goldman ed Erik Madsen. La narrazione, che si svolge nell’arco di circa ottanta minuti, è incentrata sulla figura di Jessica, interpretata da Birte Hanusrichter, che è dunque la protagonista principale. Essendo ambientata nella città americana, non mancano squarci della Grande Mela in questa pellicola, che dunque potrà essere apprezzata anche dagli amanti di New York.

UN AMORE A NEW YORK, LA TRAMA DEL FILM

Jessica è una broker che opera con grande successo a New York, ove si è ormai affermata in un ambiente estremamente complicato come quello finanziario. Oltre alla vita professionale, anche quella privata sembra destinata a riservargli grandi soddisfazioni, essendo la donna innamorata di Paul, che non esita a ricambiarla. I due sembrano ormai sul punto di stringere ulteriormente un rapporto sempre più stretto e appagante con un matrimonio che ne sarebbe la logica conclusione. 

L’unico problema in una vita che sembra assolutamente perfetta per Jessica è la salute precaria del fratello minore, Steve, un disegnatore di fumetti che deve continuamente ricorrere alle trasfusioni di sangue per poter sopravvivere. A rendere ancora più difficile una situazione già di per sé problematica è il fatto che il gruppo sanguigno cui appartiene Steve risulta in effetti molto raro. Per sua fortuna il ragazzo può ricorrere ad Alejandro, un immigrato irregolare che è dal canto suo ben felice di poter donare il suo sangue, venendo ogni volta ricompensato con pochi dollari che comunque gli consentono di tirare avanti in attesa di poter regolarizzare la sua situazione, anche dal punto di vista lavorativo. Quando però proprio Alejandro viene a ritrovarsi sul punto di essere espulso dagli Stati Uniti, dopo essere stato individuato dall’ufficio immigrazione, diventa assolutamente necessario trovare una soluzione e in fretta. 

La stessa Jessica alla fine trova la quadratura del cerchio: sposerà Alejandro, che così potrà avere il permesso di soggiorno e vivere serenamente la sua vita. Poi, però, con il tempo e la convivenza, la situazione inizia ad assumere una veste del tutto nuova. Tra un controllo e l’altro dell’ufficio immigrazione, i due scoprono infatti di essere innamorati l’uno dell’altro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori