Giulia De Lellis / Grande Fratello Vip 2, frase shock: “Se un drogato e un gay mi chiede…”

- Valentina Gambino

Giulia De Lellis, Grande Fratello Vip 2: la frase chock dell’influencer fa indignare la rete; dopo le considerazioni velatamente omofobe, arriva la nuova “bomba”, che farà Signorini?

gfvip_giulia_de_lellis
Giulia De Lellis

Giulia De Lellis, nonostante sia uno dei personaggi più apprezzati all’interno della Casa del Grande Fratello Vip, sta massicciamente deludendo i sostenitori. In tanti, non vedevano l’ora di vederla entrare in gioco, coscienti del suo caratterino niente male e di ciò che avrebbe potuto regalare al reality show di Casa Mediaset. La ragazza però, probabilmente spinta dall’immaturità che la contraddistingue, ha fatto una gaffe dietro l’altra. Dalle presunte frasi omofobe fino ad un’affermazione sconvolgente che ha letteralmente indignato anche i fan. Dopo l’uscita senza alcun senso logico sulle adozioni gay (“I figli dei gay diventano gay…”), torna in quarta e la spara grossa: “Se in discoteca c’è uno che conosco di vista e mi chiede un tiro di sigaretta, non so se è gay o un drogato, che ne so, io pur di non fumarla più gliela lascio, dico ‘non mi va più’. Lo stesso con un cocktail, se questi vogliono un goccio io glielo lascio”. Una frase pessima mixata da un comportamento ipocrita.

Grande Fratello Vip, la nuova figuraccia di Giulia De Lellis

Giulia De Lellis è la più piccolina della Casa del Grande Fratello Vip. Per questo motivo, l’ex corteggiatrice è trattata un po’ come la mascotte. Qualcuno la considera come una figlia e altri l’hanno già “adottata” come una sorellina minore. Nonostante non abbia ancora avuto modo di tirare fuori gli artigli, ha già sollevato l’indignazione della rete per alcune frasi decisamente prive di senso. Giulia De Lellis più che omofoba poi, appare semplicemente il frutto della sua età. Una ragazza giovane che influenza il web con i suoi outfit e che lascia il tempo che trova invece, quando si sposta su tematiche più profonde. Giulia in sintesi, ha svelato di avere paura di condividere le sue bevande e il fumo con gay e drogati (mettendoli sullo stesso piano) ma poi, da perfetta ipocondriaca, non ha nessuna remora nei confronti del male che provoca la sigaretta in sé. Discorso primo di coerenza, scoordinato ed ipocrita. Attendiamo il buon Signorini per una strigliata.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori