Fausto Leali/ “Ecco chi apprezzo dei cantanti della nuova generazione” (Napoli Prima e Dopo)

- Fabio Belli

Fausto Leali a Napoli Prima e Dopo. L’entusiasmo per il nuovo matrimonio: un mostro sacro della musica italiana arriva all’appuntamento principe della canzone partenopea

fausto_leali_germana_schena_facebook
Fausto Leali sarà ospite a Celebration (Facebook)

Fausto Leali torna in tv esibendosi nell’appuntamento speciale di Napoli prima e dopo, questa sera su RaiUno. Canta “Malafemmina”, famoso bravo del passato, ma il cantante è al contempo slanciato verso il futuro e infatti ha qualcosa da dire sui cantanti della nuova generazione, quelli oggi particolamente amati e seguiti sui social dai più giovani. «Anche tra i giovani ci sono voci straordinarie. – dichiara Fausto nel corso di un’intervista a Vanity Fair, dove spiega – Emma, Marco Mengoni… Se ne contano al massimo quattro o cinque che si sono imposti bene sul mercato. Fare un talent come Amici o X Factor oggi aiuta farsi conoscere, ma poi devi essere tu a essere forte, se no non superi l’anno di notorietà e sparisci. È successo a tanti di scomparire subito». (Anna Montesano)

L’ESIBIZIONE AL ROOF GARDEN

In attesa di esibirsi nella serata che Rai 1 dedicherà nella serata di sabato alla grande tradizione del cantautorato partenopeo, Fausto Leali è stato protagonista lo scorso 2 settembre di un concerto in quel del Casinò di Sanremo, per uno show che, di fatto, ha chiuso la lunga rassegna di appuntamenti in musica in Riviera che ha visto questa estate cantare anche Francesco Renga, Anna Oxa e altri nomi di spicco. Il 72enne artista originario di Nuvolento (Brescia) e distintosi nel corso degli anni per il timbro “black” della sua voce, si è esibito nella suggestiva location del Roof Garden, proponendo ai presenti non solamente una selezione dei suoi principali successi discografici (tra cui Angeli negri, Io amerò, Deborah e anche Mi manchi), ma pure alcune cover inedite pescate dal repertorio di mostri sacri d’Oltreoceano: spazio dunque a una personale rivisitazione da parte di Leali di un brano di James Brown, ma anche alle hit dei connazionali Francesco De Gregori e Adriano Celentano. (Agg. Di R. G. Flore)

I SUCCESSI DELLA SUA LUNGA CARRIERA

Fausto Leali sarà tra gli artisti che animeranno Napoli Prima e Dopo, la kermesse musicale in onda su Rai Uno nella serata del 9 settembre.  E’ una delle migliori voci della scena musicale italiana del dopoguerra, tanto da guadagnarsi l’appellativo di negro bianco. Nato a Nuvolento nell’ottobre del 1944, Fausto Leali ha iniziato a studiare chitarra con Tullio Romano, uno dei componenti dei mitici Los Marcellos Ferials di Cuando calienta el sol, prima di diventare professionista, ad appena 14 anni. Dopo un inizio in sordina, la grande popolarità è arrivata nel 1967, quando A chi, versione italiana di un successo di Timi Yuro, Hurt, è letteralmente esploso a livello di vendite. Proprio il suo particolare timbro di voce ha costituito un valore aggiunto per il brano, consentendogli di avere ottimi riscontri anche in Austria, tanto da vendere oltre 4 milioni di copie. L’anno successivo lo ha poi visto replicare con Deborah, con il quale ha partecipato al Festival di Sanremo, ottenendo un lusinghiero quarto posto, e ha venduto oltre 600mila copie.

I FIGLI AL CENTRO DELLA SUA VITA

Ancora più vistoso il successo di Angeli negri, che ha confermato nello stesso 1968 il grande feeling dell’artista lombardo con il grande pubblico degli appassionati. Negli anni successivi ha però perso progressivamente smalto, anche se è riuscito ogni tanto a tornare ad alti livelli, in particolare nel 1976, quando ha inciso Io camminerò, dieci anni dopo, con Via di qua, cantato con Mina e nel 1987, quando Io amo ha venduto oltre 400mila copie. Due anni dopo è inoltre riuscito ad affermarsi sulle tavole del Teatro Ariston cantando Io ti lascerò, in coppia con Anna Oxa. Infine, nel 2003 è tornato a frequentare i piani alti delle classifiche di vendita con Eri tu, che ha ottenuto un disco di platino. Per quanto riguarda la vita privata, Fausto Leali si è sposato nel 1968 con la collega Milena Cantù, un matrimonio allietato dalla nascita di Samantha e Deborah. Dopo la separazione, si è sposato con Claudia Cocomello, dalla quale ha avuto altri due figli, Lucrezia e Francis Faustino e poi con Germana Schena, di 30 anni più giovane e già sua corista. 

IL MATRIMONIO CON GERMANA SCHENA

Proprio del suo nuovo matrimonio Fausto Leali ha parlato durante Domenica Live, intervistata da Barbara D’Urso, affermando come la differenza d’età non voglia dire praticamente nulla, quando c’è il sentimento, e di avere avuto qualche tentazione nella prima fase del loro fidanzamento. In una intervista concessa a Vanity Fair ha invece affrontato il tema legato all’attuale scena musicale tricolore, affermando che anche tra i giovani ci sarebbero voci estremamente interessanti, citando ad esempio Marco Mengoni e Emma. Inoltre ha affermato che avrebbe qualche difficoltà a fare il giudice in un talent show, in quanto si ritiene un buono di natura e si troverebbe in imbarazzo nel dare giudizi negativi. Inoltre ha voluto ricordare l’estate del 1964, quando ha avuto modo di suonare alla Bussola e ha capito che la sua carriera stava iniziando ad andare nella direzione giusta. Risale proprio a quell’estate una sua foto in cui appare in compagnia del grande ray Charles, con il quale Fausto Leali avrebbe poi duettato nel 1995.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori