Fracchia, la belva umana/ Oggi su Rete 4: curiosità sul film con Paolo Villaggio (10 gennaio 2018)

- Cinzia Costa

Fracchia la belva umana, il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 10 gennaio 2018. Nel cast: Paolo Villaggio, Lino Banfi e Massimo Boldi, alla regia Neri Parenti. Il dettaglio.

fracchia_la_belva_umana_film
il film comico in seconda serata su Rete 4

Una pellicola comica, Fracchia la belva umana, realizzata in Italia nel 1981, è la proposta fatta per la seconda serata di Rete 4 che vede protagonista Paolo Villaggio ha il titolo Fracchia la belva umana ed è il primo capitolo della saga basata su Giandomenico Fracchia, personaggio inventato da Paolo Villaggio, che per alcuni aspetti ricorda quello del ragionier Ugo Fantozzi, interpretato dallo stesso attore. Nel film sono presenti gag entrate nella storia del cinema italiano, oltre che diverse espressioni divenute celebri e utilizzate molto spesso nel linguaggio quotidiano, come la mitica battuta “Com’è umano lei!”. Le analogie con Fantozzi si possono riscontrare anche nella presenza di Anna Mazzamauro che interpreta una segretaria antipatica irraggiungibile per Fracchia. Tra le curiosità legate al film, una riguarda Lino Banfi, che ha raccontato alla nota trasmissione Stracult, che la scena alla trattoria del suo personaggio il commissario Auricchio con lo strimpellatore è completamente improvvisata. In particolare la risposta in rima è frutto di una sua idea che il regista decise di non tagliare, sebbene diversa da quella prevista dal copione. È importante notare che Paolo Villaggio, Massimo Boldi e Lino Banfi hanno recitato insieme in vari film degli anni Ottanta, come I pompieri, il sequel Missione eroica – I pompieri 2 e Scuola di ladri.

NEL CAST PAOLO VILLAGGIO

Fracchia la belva umana, il film in onda su Rete 4 oggi, mercoledì 10 gennaio 2018 alle ore 23,45. Una pellicola comica del 1981 che è stata diretta da Neri Parenti e che vede protagonisti Paolo Villaggio, Lino Banfi, Massimo Boldi, Anna Mazzamauro, Gianni Agus, Gigi Reder e Francesco Salvi. Un cast che vede interpreti che avevano già lavorato con Villaggio, come la Mazzamauro, Reder e Agus e che segnano il debutto al cinema di Francesco Salvi e Massimo Boldi. Una commedia esilarante, la cui sceneggiatura è stata scritta da Gianni Manganelli che si è occupato anche del soggetto con Leonardo Benvenuti, Piero De Bernardi, Neri Parenti e Paolo Villaggio. Questi ultimi avevano diretto insieme “Fantozzi contro tutti”. Per quanto riguarda gli altri autori, oltre ad aver partecipato alla scrittura di Fantozzi, vantano varie collaborazioni con Villaggio e altri importanti artisti. Ma ecco nel dettaglio la trama del film comico.

FRACCHIA LA BELVA UMANA, LA TRAMA DEL FILM COMICO

Giandomenico Fracchia (Paolo Villaggio) è un sottomesso e sfortunato impiegato di un’azienda specializzata nella produzione di merendine al cioccolato, dove ogni giorno è soggetto agli scherzi, umiliazioni e prese in giro dei colleghi e del direttore, il dottor Orimbelli (Gianni Agus), che lo degrada in continuazione di ruolo. Una notte, in seguito alla somiglianza con il pericoloso criminale chiamato “la belva umana” e ricercato per omicidi e rapine, viene arrestato per ben tre volte dai Carabinieri, Polizia di Stato e Digos. Liberato ogni volta, per evitare di essere scambiato per criminale, gli viene rilasciato un lasciapassare che serve a identificarlo come Fracchia. Il delinquente decide di approfittare della somiglianza, lo aggredisce e si impossessa della sua casa e del lasciapassare. Inoltre, costringe il povero Fracchia a incontrare la terribile madre e a partecipare ad una rapina in banca. Uno scambio continuo di ruoli tra i due genera equivoci e situazioni assurde che, hanno un finale davvero disastroso. Infatti, per catturare la belva umana, la Polizia, fa ricoverare la madre in una clinica. Intuito il trucco, manda Fracchia a posto suo. Alla fine in un conflitto a fuoco vengono uccisi entrambi, i quali si ritrovano nell’aldilà. Anche qui a Fracchia viene richiesto il lasciapassare, di cui si è appropriato la belva che finisce in paradiso, mentre lui viene mandato all’inferno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori