CLAUDIA CARDINALE/ “Marcello Mastroianni mi amava, ma io non ho ceduto. Con Alain Delon invece..”

- Dario D'Angelo

Claudia Cardinale racconta i retroscena di una vita da star: l’amore per lei di Marcello Mastroianni, l’omosessualità di Rock Hudson e il rapporto con Alain Delon

claudia_cardinale_wikipedia
Claudia Cardinale (foto da Wikipedia)

Claudia Cardinale compirà 80 anni ad aprile, ma per sua stessa ammissione ha già “vissuto mille vite”. Lo ha fatto grazie ad una carriera da attrice straordinaria, come ha raccontato a QN – Quotidiano Nazionale, lavorando con “Visconti, Comencini, Monicelli, Fellini”, veri fuoriclasse della macchina da presa. Per questo, l’attrice, ammette di avere realizzato il suo sogno da bambina, che non era tanto quello di recitare ma “fare l’esploratrice. Volevo andare in posti esotici, in luoghi mai visti. E l’ho fatto”. La Cardinale ritorna anche sui suoi presunti flirt. Il più celebre è quello con Marcello Mastroianni:”Non c’è stato mai niente, fra noi. Mi ha fatto molto la corte. Fiori, biglietti, lettere…Ed era un uomo bellissimo, di una classe, di un’eleganza unica. Io non ho mai ceduto. Anni dopo, quando tutti e due vivevamo a Parigi, si gira un film per la tv su Marcello. Appena mi vede mi dice:’Lo sai che ero innamorato di te? Ma sul serio, ero innamorato davvero: ci ho sofferto per anni’. Io gli dicevo:’Marcello. zitto, ci sono le telecamere già accese””.

LA STORIA MANCATA CON ALAIN DELON

La Cardinale è stata una donna corteggiatissima. Anche con il francese Alain Delon, avrebbe potuto esserci qualcosa, ma alla fine – come ha raccontato l’attrice a QN – ciò che doveva succedere non accadde:”Una storia d’amore mancata, e una grande amicizia”. Nessuno, però, si faccia l’idea di una Claudia Cardinale versione snob. La sensibilità non le è mai mancata. Non è un caso che l’attore che ricordi con più tenerezza sia Rock Hudson:”Era omosessuale. E a Hollywood all’epoca la discriminazione contro gli omosessuali era fortissima. Così, ad ogni occasione, fingevo di stare con lui. Mi ha detto:’Mi hai salvato la vita, Claudia, così posso continuare a girare'”. La Cardinale ricorda anche il complimento più bello mai ricevuto, ad opera di Burt Lancaster:”Giravamo nel deserto del Nevada, un massacro di caldo e fatica. Ma non mi lamentai mai. In una pausa, Burt mi passò vicino e mi disse:’Sembri un uomo’. Ne fui felice”.

LA STRANA COPPIA

Nonostante abbia una grande carriera alle spalle, Claudia Cardinale non si è ancora stancata di recitare. L’attrice tornerà a teatro a dieci anni di distanza dall’ultima volta, con la trasposizione al femminile de La strana coppia di Neil Simon, resa celebre al cinema da Jack Lemmon e Walter Mathau. L’altra metà della coppia è Ottavia Fusco:”Portare a teatro questa commedia al femminile era il grande sogno di Pasquale Squitieri, il regista che è stato il grande amore della mia vita: ventisei anni insieme, l’unico uomo che io abbia amato. Lo porto in scena insieme alla donna che ha sposato Pasquale nel 2013, e che ha vissuto con lui gli ultimi anni: Ottavia Fusco”. Il mix rischia di essere esplosivo? La Cardinale risponde:”C’è consonanza. Siamo accomunate dall’amore per lo stesso uomo, che ha segnato la nostra vita. E poi, siamo anche totalmente diverse nel carattere, per cui sul palco possiamo dare forma a due personaggi diametralmente opposti. Insieme ad Ottavia abbiamo deciso di fare questa commedia in ricordo di Pasquale”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori