J-Ax / Un 2017 di grandi successi per il rapper: il consiglio ai fan per il 2018 (Nek in Arena)

- Anna Montesano

J-Ax, un 2017 di grandi successi per il rapper, che ha battuto ogni record con “Comunisti col rolex”. Grande festa per il Capodanno 2018 ad Olbia, in Sardegna.

jax_facebook
J-Ax apre negozio di "marijuana legale"

Si conclude un anno speciale per J-Ax che non dimentica i suoi tantissimi fan. Sul suo profilo Facebook, dove il rapper è attivissimo, arrivano gli auguri per i fan con una riflessione ricca di verità. Ecco uno stralcio delle parole di J-Ax: “La società di oggi è spietata: siamo giudicati in continuazione. Dobbiamo guadagnare più soldi per comprare il nuovo telefono che non ci serve, altrimenti la gente pensa che siamo sfigati. Dobbiamo viaggiare per riempire il nostro Instagram di immagini e far rosicare chi conosciamo. – e continua – Dobbiamo accrescere i nostri follower. Vivere vite idealizzate che ci sono state imposte come ideali. Sono tutti numeri che se non crescono ci causano ansia. È Natale ed è impossibile per me regalarvi qualcosa, ma se posso vorrei lasciarvi con un piccolo pensiero: non vi considerate dei falliti se non avete raggiunto degli obbiettivi che vi siete prefissati quest’anno”.

IL REGALO PIU’ BELLO DEL 2017

Un anno davvero importante questo per J Ax, non solo per il successo in campo lavorativo. Lo scorso 5 agosto, il rapper ha spento 45 candeline e ha dichiarato quale fosse il suo regalo più grande: “Quest’anno ho ricevuto il dono più grande che la vita possa fare, mio figlio, quindi non c’è nient’altro che possa desiderare”, ha detto ai suoi fan con un post su Facebook, per poi aggiungere sempre rivolto a loro “Ragazzi di tutte le età che mi scrivono di quanto per loro la mia musica sia importante. Sono loro che danno un senso a quello che faccio. Per voi oggi ho preparato una sorpresa, a distanza di anni dall’uscita de ‘Il bello d’esser brutti’ ecco il video de ‘L’Uomo col cappello’. Dal vostro sfigato preferito, grazie. Non vorrei altra vita che la mia”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

UN ANNO RICCO DI SUCCESSI

Si è appena concluso per J-Ax un anno davvero ricco di grandi successi. Il disco e il successivo tour “Comunisti col rolex” che lo ha visto al fianco di Fedez, ha battuto ogni record. Un anno concluso con altrettanto successo e iniziato nel migliore dei modi con il rapper sul palco ad Olbia tra gli applausi di tutto il pubblico presente. Ma chi è J-Ax? Pseudonimo di Alessandro Aleotti, è nato a Milano il 5 agosto del 1972, è un rapper, cantautore e produttore discografico italiano, noto per aver fondato il duo rap Articolo 31 insieme a DJ Jad nei primi anni novanta e per la carriera solista intrapresa a partire dal 2006. Il cantante è il fratello maggiore di Grido, ex-componente dei Gemelli DiVersi. Per alcuni mesi ha preso parte al progetto Due di Picche, poi accantonato, assieme a Neffa. Nel corso dei primi anni 2000 J-Ax ha abbandonato sempre di più lo stile rap per abbracciare uno stile più tendente al pop, pur rimanendo legato alle sue radici.

IL CAPODANNO AD OLBIA

A Capodanno è stato impegnato ad Olbia insieme a Grido, ex Gemelli Diversi, fratello minore di J-Ax. Il presentatore, Matteo Pianezzi, quando ha lanciato J-Ax e la sua band, “l’Accademia delle teste dure”, ha fatto scoppiare l’urlo del pubblico presente. Il Bello d’esser brutti, Spirale ovale, Senza pagare, Vorrei ma non Posto, Sconosciuti da una vita. Dal 2016 il rapper ha stretto una collaborazione con Fedez che ha portato a grandi successi. Il 6 maggio i due rapper hanno pubblicato il singolo Vorrei ma non posto, accompagnato dal relativo videoclip. Il 18 novembre 2016 hanno pubblicato il secondo singolo Assenzio, che ha visto anche la partecipazione di Stash dei The Kolors e di Levante; tre giorni più tardi è stato invece annunciato il titolo dell’album, Comunisti col Rolex, uscito il 20 gennaio 2017, in concomitanza con il terzo singolo Piccole cose, inciso insieme a Alessandra Amoroso. La coppia ha vinto diversi premi grazie ad una collaborazione davvero fruttuosa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori