Allegra Versace/ L’impero dello zio Gianni nelle sue mani tra anoressia nervosa e beneficenza

- Hedda Hopper

Allegra Versace Beck è l’erede dell’impero dello zio Gianni che le ha regalato il 50% delle quote dell’azienda nelle sue mani tra anoressia nervosa e beneficenza

allegra_versace_donatella_instagram
Allegra Versace con la madre Donatella

Allegra Versace Beck è l’erede dell’impero dello zio Gianni che le ha regalato il 50% delle quote dell’azienda al compimento dei suoi 18 anni, ben sette anni dopo la sua morte. Chi non conosce bene i movimenti della famiglia Versace non sa bene che Donatella ha amministrato l’azienda alla morte del fratello proprio perché il suo 20% + il 50% dato alla figlia Allegra, l’hanno resa socia di maggioranza rispetto a Santo che si è dovuto accontentare del suo 30%. Allegra Versace è stata cresciuta sicuramente per essere una donna di successo, una donna in carriera destinata ad essere sempre al vertice e mai fuori posto in nessun caso e proprio questo potrebbe aver segnato la sua vita, almeno in un determinato periodo, quando ha capito di avere il peso dell’azienda di famiglia sulle spalle e di non poter fuggire dal suo destino. E’ già difficile per un giovane accettare un padre che ti consiglia un percorso di vita, magari lo stesso che lui non è riuscito a compiere, figuriamoci quando si tratta di un’azienda da milioni di euro ad essere già presente nel tuo futuro.

UN’EDUCAZIONE DA FUTURA DONNA IN CARRIERA

Allegra Versace Beck è nata il 30 giugno del 1986 a Milano dal matrimonio di Paul Beck e la moglie Donatella Versace che ha subito pensato al suo futuro iscrivendolo nelle migliori scuole. Prima ha frequentato la British School of Milan poi fu ammessa alla Brown University di Rhode Island, ma al compimento dei suoi 18 anni, nel 2004, è entrata in possesso del 50% delle azioni dell’azienda creata dal nulla proprio dall’amato zio morto quando lei aveva solo 11 anni, per un totale di circa mezzo miliardo di dollari. Sembra che proprio questo enorme peso abbia messo in sofferenza la giovane che iniziò a soffrire di anoressia nervosa come la stessa madre conferò nel 2007. Ma qualche anno dopo è arrivata la sua rinascita e nel 2011 ha preso le redini della sua vita diventando la direttrice della Gianni Versace S.p.A e il suo patrimonio è lievitato fino a circa 800 milioni di dollari.

DALL’ANORESSIA ALLA BENEFICENZA, IL SUO ANIMO GENTILE

Ma la bella Allegra Versace non è solo la rigida donna in carriera che si è costruita negli anni ma anche un animo dolce e sensibile dalla grande cadenza cattolica. Lei stessa si definisce cattolica romana e da sempre segue gli insegnamenti religiosi traducendoli in grandi opere di bene e beneficenza che fa in tutto il mondo, a cadenza regolare, dedicando gran parte dei suoi guadagni. Nonostante il lavoro le porti via molto tempo, la sua vita è molto legata a quella della madre e del fratello con i quali passa gran parte del suo tempo libero e non solo in Italia ma anche negli Usa dove spesso vola per vivere nella sua residenza di Los Angeles o in SoHo, vicino New York, dove vive il cugino. Riuscirà davvero ad arrivare lontano senza mai lasciare le sue radici e dimenticarle?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori