Giulio Base: “Il Banchiere Anarchico, il mio amore per Pessoa”/ “Ora la festa più importante: il matrimonio”

Giulio Base: “Il Banchiere Anarchico, il mio amore per Pessoa”. Ultime notizie, l’attore-regista rivela: “Ora la festa più importante: il matrimonio”.

gulio_base_facebook_2018
Giulio Base sul set de Il Banchiere Anarchico (Facebook)

Giulio Base: “Il Banchiere Anarchico, il mio amore per Pessoa”, così l’attore-regista definisce il suo ultimo film, presentato al Festival di Venezia 2018 nella sezione Sconfini e da oggi, mercoledì 10 ottobre 2018, in sala. Intervistato da Libertà, Base ha parlato del suo amore per lo scrittore portoghese: “Ho sempre avuto un innamoramento, una passione, un’ossessione. In questi anni questo titolo è diventato di attualità: parla di politica, finanza, banche, governo. Ho provato a proporlo e grazie alla lungimiranza di Rai Cinema ho avuto la possibilità di realizzarlo. La storia è ostica ma “semplice”, una sorta di dialogo platonico e aristotelico tra un uomo ricco e potente e suo amico, o collega, o sottoposto, che si svolge nella residenza del multimilionario”. Il Banchiere Anarchico, che abbiamo definito un piccolo capolavoro, è Pessoa all’ennesima potenza: “Era un genio pazzo, litigava con sé stesso, scriveva con nomi diversi, creava poetiche e stili differenti ed era capace di inventare da solo un dibattito culturale”.

“ORA LA FESTA PIU’ IMPORTANTE: IL MATRIMONIO”

Una pellicola che ha conquistato la critica e che ora sarà a disposizione dello spettatore, il film più intimo di Giulio Base. E ora il regista è pronto per un altro evento, un’altra festa (“la più importante”): il matrimonio con Tiziana Rocca. Ecco le parole della celebre pr ai microfoni di Chi: “Mi risposo con Giulio il primo dicembre a Roma nella chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi, abbiamo finalmente ricevuto entrambi l’annullamento dai nostri primi matrimoni. E sarà una festa con i nostri figli”. Sedici anni dopo il rito civile, Giulio Base e Tiziana Rocca sono pronti a convolare a nozze in chiesa: “Abbiamo dovuto fare il corso prematrimoniale. Ed era curioso stare ad ascoltare tutte queste cose sul matrimonio per noi, che facciamo questa vita da anni e abbiamo già cresciuto tre figli… ma siamo stati attentissimi”. E i figli avranno un ruolo importante anche il giorno delle nozze: “Vittorio e Valerio leggeranno in Chiesa e Cristiana sarà la mia damigella, naturalmente”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori