NCIS 15/ anticipazioni del 14 ottobre 2018: Gibbs papà per un giorno

- Morgan K. Barraco

NCIS 15, anticipazioni del 14 ottobre 2018, in prima Tv su Rai 2. Un nuovo caso sui rifugiati orfani spinge Gibbs a ricordare il piacere di essere un padre.

ncis14_02_facebook_2017
NCIS 15, in prima Tv assoluta su Rai 2

NCIS 15, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI

Ritorna nella prima serata di Rai 2 di oggi, domenica 14 ottobre 2018, NCIS 15 in prima Tv assoluta e con un nuovo episodio. Sarà il 19°, dal titolo “La Vida Mala“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati: subito dopo l’uscita di Ducky (David McCallum) dall’edificio, il dipartimento dell’NCIS viene scosso da un’esplosione. Gibbs (Mark Harmon) nota che sul tetto è caduto il corpo di un tecnico, mentre la luce è fuori uso e con essa anche i sistemi della struttura. DiNozzo Senior (Robert Wagner) raggiunge poi gli uffici per parlare a Gibbs di una particolare cosa, ma non fa in tempo a dirgli nulla per via delle indagini in corso. Una ricerca di McGee (Sean Murray) sull’azienda della vittima svela che in realtà si tratta di un criminale. Abby (Pauley Perrette) invece scopre che il tecnico morto aveva un ordigno all’interno della cassetta di sicurezza, che attivata ha provocato la seconda esplosione del generatore del quartier generale. DiNozzo raggiunge poi Abby nel laboratorio, dove vengono raggiunti da un secondo criminale che punta loro la pistola. Reeves (Duane Henry) invece si trova all’esterno e collabora con i militari che hanno deliminato la zona. Il criminale invece svela di essere il fratello della vittima, mentre DiNozzo si spaccia per Ducky pur di convincerlo a lasciare andare Abby. Un terzo uomo si aggira intanto per gli uffici, sorvegliato a vista da Gibbs e Torres (Wilmer Valderrama). Entrambi però sono sprovvisti di armi, mentre Bishop (Emily Wickersham) si trova confinata con Palmer (Brian Dietzen) in uno dei laboratori. Nel frattempo, Jackie (Maria Bello) svela a Vance (Rocky Carroll) di non sopportare la reclusione e di essere vicina al limite, mentre Torres crea uno stratagemma per avvicinarsi alla sua scrivania e prendere la pistola. Viene però fermato dall’altro complice, che lo cattura assieme a DiNozzo. Torres intuisce inoltre che Burke (Ty Olsson) è un ex soldato e che non sa del collegamento fra il fratello ed un boss della droga locale. Al piano superiore, Gibbs mette fuori combattimento il complice e si mette in contatto con l’esterno, ma viene fermato da Burke. Sloane e Vance scopre che invece i tre criminali hanno agito con la complicità di una degli analisti presenti nella loro stessa stanza. La donna svela però di aver disabilitato il sistema informatico del Dipartimento senza creare un’alternativa per riattivarlo. McGee riesce però a raggirare il blocco ed accedere all’edificio, mentre Torres appicca un incendio ed attiva i sistemi di sicurezza. Mentre Gibbs affronta Burke sui tetti, DiNozzo e la squadra trova Abby all’interno di una cella frigorifera, dove si è nascosta per evitare di farsi sparare.

ANTICIPAZIONI DEL 14 OTTOBRE 2018

EPISODIO 19, “LA VIDA MALA” – Due ufficiali vengono uccisi e ritrovati in un negozio di dischi. Una delle vittime produce documenti falsi, mentre l’altro è il membro di una delle gang più feroci, La Vida Mala. L’ultimo documento stampato è collegato ad un Sergente della Marina e secondo i registri è stato usato cinque minuti prima nella base di Hannover. McGee e Reeves si spostano verso la base, dove incrociano una donna a cui sono stati affidati tutti i figli dei rifugiati senza accompagnamento. Non si tratta di orfani veri e propri, anche se lo Stato impedisce loro di rivedere le famiglie d’origine. Uno dei bambini rivela poi di aver visto Ruiz poco prima mentre fotografava la base, mentre i dati del suo cloud svelano la presenza della foto di una bambina. Gibbs risale quindi fino alla piccola Elena, ormai senza genitori e ritrovata dalle autorità a bordo di una barca su cui ha cercato una via di salvezza con la madre. Per riuscire a proteggerla, Gibbs decide di portarla a casa sua, mentre Ruiz ruba tre casse piene di lanciagranate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori