Tiziana Rocca e Giulio Base/ Matrimonio in chiesa: “la famiglia il maggior successo”

- Stella Dibenedetto

Tiziana Rocca e Giulio Base, già marito e moglie con rito civile, sabato 1° dicembre si sposeranno in chiesa davanti ai figli, parenti e amici.

tiziana rocca 640x300
Tiziana Rocca e Giulio Base - Foto Instagram

Tiziana Rocca e Giulio Base, sabato 1° dicembre, si sposeranno in chiesa come aveva annunciato lo stesso regista. La pr più fampsa d’Italia e il regista, già marito e moglie con rito civile e genitori di Cristiana, 21 anni, Vittorio, 16, e Valerio, 14, hanno deciso di pronunciare il fatidico sì anche davanti a Dio. Un momento che Tiziana Rocca attende da ben sedici anni. Davanti ai figli, ai parenti e agli amici, Tiziana Rocca e Giulio Base pronunceranno le promesse religiose rendendo ancora più speciale la loro unione. La pr e il regista, infatti, formano una delle coppie più unite e affiatate del mondo dello spettacolo. Dopo il sì, però, non ci sarà nessuna luna di miele. Tre giorni dopo le nozze, infatti, la Rocca sarà impegnata in un evento. Mamma, moglie e donna carriera, Tiziana non si fa mancare nulla. “Niente luna di miele, il 3 dicembre ho già un evento” – racconta a Diva e Donna – “una volta questo lavoro non era così popolare, dovevo convincere le aziende che erano scettiche a investire nella promozione”, spiega.

TIZIANA ROCCA: IL SEGRETO DEL SUO SUCCESSO

Nonostante sia una donna super impegnata, Tiziana Rocca ha trovato anche il tempo per scrivere un libro, “Il Segreto del successo” dove spiega le regole per organizzare un evento memorabile. Dietro la scelta di scrivere un libro c’è un motivo preciso. “L’ho dedicato ai miei figli perché oggi sono i giovani ad avere le difficoltà maggiori. Purtroppo, oggi, c’è una forte competizione, ma al ribasso che non punta sulla qualità. Nel 1993 lavorai con Rita Levi Montalcini. Raccontava che aveva scritto una lettera in cui parlava della mancanza del lavoro per i giovani in futuro. Allora nessuno avrebbe pensato che saremmo finiti così, ma lei era giovane di testa”, ricorda Tiziana Rocca che spera che, anche in Italia, il merito torni ad essere il motore del mondo del lavoro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA