Eliza Dushku denuncia Michael Weatherly di abusi verbali/ Cbs paga 9 milioni di dollari per il suo silenzio

Eliza Dushku avrebbe denunciato il collega Michael Weatherly di abusi verbali. La Cbs ha pagato 9 milioni di dollari per il suo silenzio

14.12.2018 - Anna Montesano
Eliza Dushku, accuse di molestie ad un collega

Nove milioni e 500 mila dollari, 9.5 milioni, questa la cifra che CBS avrebbe sborsato per la nota attrice Eliza Dushku. Il tutto sarebbe servito a non farle rivelare le molestie, le allusioni verbali sessuali e le aggressioni ricevute sul set di Bull della CBS, la serie che va in onda in Italia su Rai 2 e FoxCrime. L’indiscrezione è trapelata a seguito di un’inchiesta del New York Times, confermata poi anche da CBS attraverso un comunicato. Eliza Dushku avrebbe subito tali molestie da un altro attore, che è proprio il protagonista di Bull: Michael Weatherly. L’attrice, che molti conoscono per i ruoli in Buffy, Dollhouse, True Calling, è apparsa nella prima stagione di Bull in un arco di tre episodi e proprio durante queste riprese avrebbe avuto a che fare con Weatherly, anche lui noto soprattutto per il ruolo del buon Di Nozzo di NCIS .

LE SCUSE DI WEATHERLY

Nonostante si parli di molestie, stando a quanto trapela dall’inchiesta, non ci sarebbe stata alcuna violenza fisica o aggressione. Michael Weatherly sarebbe stato protagonista di comportamenti sconvenienti che la CBS avrebbe quindi deciso di nascondere, pagando profumatamente la vittima di tali comportamenti. In particolare, stando a quanto riportato dal New York Times e da altri media americani, Micheal Weatherly avrebbe fatto più volte allusioni sessuali, battute spinte, riferimenti a rapporti a tre con lei e un altro uomo in presenza di Dushku. La conferma di tali comportamenti è arrivata poi proprio da Weatherly, che ha inviato al Times un messaggio per esporre le proprie scuse, ammettendo che: “durante le riprese della nostra serie ho fatto alcune battute riprendendo alcune battute della sceneggiatura. […] sono davvero dispiaciuto per il disagio creato a Eliza”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA