Gioventù bruciata/ Su Rete 4 il film diretto da Nicholas Ray (oggi, 19 dicembre 2018)

Gioventù bruciata, il film in onda su Rete 4 oggi, martedì 18 dicembre 2018. Nel cast: James Dean, Natalie Wood, Sal Mineo e Corey Allen, alla regia Nicholas Ray. Il dettaglio della trama.

19.12.2018, agg. alle 15:59 - Cinzia Costa
Gioventù bruciata
Gioventù bruciata, una scena del film

CURIOSITÀ SULLA PRODUZIONE DEL FILM

Una pellicola di genere drammatica Gioventù bruciata, proposta dal palinsesto televisivo di Rete 4 per il pomeriggio di oggi, mercoledì 19 dicembre 2018 a partire dalle ore 16,40. La regia è stata curata da Nicholas Ray che ha realizzato anche il soggetto mentre la sceneggiatura è stata estesa da Stewart Stern. La casa di produzione che ha fatto parte del progetto è la Warner Bros, il montaggio è stato eseguito da William H. Ziegler con le musiche della colonna sonora composte da Leonard Rosenman e con la scenografia ideata da Malcolm C. Bert. I costumi utilizzati dagli attri durante le riprese sono stati confezionati da Moss Mabry ed il trucco è stato realizzato sotto la supervisione di Gordon Bau. In un primo momento la parte del protagonista doveva essere affidata fu affidata a Marlon Brando, ma il giovane attore preferì assolvere i suoi numerosi impegni a teatro e rifiutò l’offerta. James Dean è morto prematuramente a causa di un incidente automobilistico quando aveva soltanto ventiquattro anni, era il 1955, l’anno di uscita del film “Gioventù bruciata”.

NEL CAST ANCHE NATALIE WOOD

Gioventù bruciata è il film drammatico che Rete 4 manderà in onda in fascia pomeridiana questo mercoledì 19 dicembre 2018 alle ore 16.45. Il soggetto della pellicola e la regia sono stati curati dallo statunitense Nicholas Ray. Nei panni del personaggio protagonista recita il grande James Dean, che deve la sua fama di attore anche a questa interpretazione. Tra gli altri attori sono da menzionare Natalie Wood, Sal Mineo, Corey Allen e Jim Backus. Ma ecco nel dettaglio la trama del film.

GIOVENTÙ BRUCIATA, LA TRAMA DEL FILM

Jim Stark è un giovane scapestrato che finisce in galera per ubriachezza. I familiari del ragazzo lo vanno a prendere alla stazione di polizia ed uno degli agenti, Ray Fremick, intuisce le ragioni che spingono Jim a comportarsi in maniera riprovevole. Giunto in città da poco, in passato il giovane è stato vittima di una violenza, inoltre è palese la sua difficoltà a rapportarsi con i genitori. Nella stazione di polizia Jim ha l’occasione di incontrare Judy (Natalie Wood ), una giovane sua vicina di casa, arrestata a causa di una rissa dove era implicato un gruppo di amici, anche la ragazza vive un rapporto tormentato con suo padre e si accompagna spesso ad una banda capeggiata da un certo Buzz. In questura Jim conosce anche John Crawford detto Plato, un adolescente abbandonato da suo padre quando era piccolo, che da subito vede in Jim una persona da ammirare e idealizzare. Un giorno fuori scuola Jim viene fermato dai ragazzi di Buzz e viene invitato a prendere parte alla chicken run, una sorta di prova di coraggio che prevede una corsa in macchina a forte velocità per poi lanciarsi fuori prima che l’auto precipiti in mare. Prima di accettare, Jim ne parla con suo padre. Ancora una volta il giovane resta deluso per la debolezza del genitore e quindi decide di accettare la proposta della banda. Purtroppo la prova di coraggio termina in maniera tragica. La giacca di Buzz resta incastrata nella maniglia dell’auto, il giovane non riesce a liberarsi, finisce nel precipizio e muore.
Jim chiede un colloquio con il poliziotto Fremick ma l’agente non è in servizio, inoltre, viene notato dai compagni di Buzz, tutti convocati presso la stazione di polizia. Intanto Jim, insieme alle sue due nuove conoscenze Plato e Judy, raggiunge una villa disabitata diventata ormai il rifugio di Plato. Jim e Judy si sentono molto vicini e affiatati, si confidano e scoprono di piacersi molto. Crunch, uno dei compagni di Buzz, insieme ad altri due elementi della banda, Gene e Goon, non ha mai perso d’occhio Jim, quindi, i tre lo raggiungono alla villa, tentano un’aggressione nei confronti di Plato ma questi tira fuori una pistola e spara a Crunch, ferendolo; un colpo dell’arma raggiunge anche un agente di polizia, appena giunto sul posto. La situazione si complica, Jim interviene e tenta di placare l’ira di Plato, ormai fuori di sé, riesce a prendergli la pistola e ad estrarne il caricatore. Quando arrivano i poliziotti, vedendo Plato che impugnava ancora l’arma, gli sparano e il ragazzo muore. Il tragico epilogo della vicenda avrà anche un risvolto positivo, finalmente il rapporto di Jim con i suoi genitori è più pacifico ed è chiaro un riavvicinamento sincero da ambo le parti, inoltre Jim trova il coraggio di confessare a Judy il suo amore per lei.

© RIPRODUZIONE RISERVATA