Sanremo Giovani 2018, ha vinto Mahmood/ Gioventù Bruciata si prende anche il premio della critica

Festival di Sanremo Giovani 2018: ha vinto Mahmood con Gioventù Bruciata. Nell’ultima puntata svelati anche i concorrenti big del prossimo febbraio.

22.12.2018 - Jacopo D'Antuono
Sanremo Giovani, il logo
Sanremo Giovani, in onda su Rai 1

“Veramente grazie mille, non me lo aspettavo assolutamente. Grazie di cuore a tutti”. Con queste parole Mahmood ha espresso tutta la sua gioia per la vittoria a Sanremo Giovani 2018, un primo posto che gli ha consentito di accedere al Festival del 2019 insieme ai big. La sua Gioventù Bruciata ha fatto breccia nel cuore del pubblico, dei giurati e dei giornalisti, che gli hanno concesso anche il Premio della Critica. Il giovane Mahmood è riuscito a spiccare il volo in una serata coraggiosa e di talento, con tanti artisti promettenti.”Gioventù bruciata è una fotografia di una parte della mia vita, parla della mancanza di una persona importante e di come convivere nei giorni, nei mesi e negli anni con quel senso di vuoto” le parole del cantante durante la presentazione del brano. Adesso per Mahmood si aprono le porte del Festival di Sanremo 2019 e gli addetti ai lavori sono certi che darà del filo da torcere agli altri artisti in gara.

Sanremo Giovani 2018, anche Nyvinne è una bomba

Tra i volti rivelazione di Sanremo Giovani 2018 abbiamo sicuramente Nyvinne. La giovane cantante è riuscita a far commuovere tutti i giurati, compito arduo considerata la presenza di personaggi del calibro di Fiorella Mannoia, Luca Barbarossa e Annalisa. Nyvinne è entrata in scena dopo le critiche che alcuni giornalisti avevano rivolto in generale ai concorrenti in gara: “Bisogna un po’ crescere sui testi perchè questo è anche il Festival della canzone” avevano detto. Poi l’incredibile performance di Nyvinne, una voce pazzesca che ha fatto luccicare gli occhi di mezzo Ariston. Luca Bizzarri l’ha metaforicamente paragonata ad Andrea Pirlo: “Come lui è di un’altra categoria. Fa proprio un altro sport”. Dopo tutti questi complimenti ci aspettavamo un primo posto per Nyvinne, che è tornata a casa con tanta consapevolezza in più ed un podio che resta comunque un traguardo prestigioso.

Fabio Rovazzi e Pippo Baudo, la coppia funziona?

Due profili estremamente diversi, opposti per stile, età e percorso televisivo. Non potrebbe essere altrimenti visto che Fabio Rovazzi ha iniziato a muovere i primissimi passi sul grande schermo da poco tempo rispetto all’immensa carriera di Baudo. La loro conduzione a Sanremo Giovani 2018 ha dato spazio a qualche critica, ma anche a diversi commenti positivi. Rovazzi ha rotto il ghiaccio con humor e qualche strafalcione, Baudo si è calato macchinosamente nell’era social, con tanto di selfie e stories da pubblicare sul profilo Instagram ufficiale. “Io qui non ci capisco niente” ha detto ironico mentre Rovazzi scattava la foto da condividere coi follower. Un duo che magari può aver fatto storcere il naso ai telespettatori più esigenti, ma capace di divertire e intrattenere con genuina leggerezza. Poi le belle parole che entrambi hanno speso l’uno per l’altro nel finale di puntata: “Ho trovato Rovazzi bravissimo e preparatissimo, grande stima da parte mia” le parole di Baudo. Immediata la risposta dello youtuber: “Dire che sono onorato è poco. Ma posso affermare che ho imparato davvero tantissimo in questi giorni che sono sembrati mesi con una persona del suo calibro. Pippo è un mito”.

Classifica finale Sanremo Giovani 2018 e big in gara al Festival 2019

Con la vittoria di Mahmood, La Rua e Nyvinne si sono dovuti accontentare del podio. Nel resto della classifica definitiva di Sanremo Giovani 2018 troviamo Cordio, Sisma, Mescalina, Angelucci, La Zero, Francesca Miola, Cannella, Le ore e Saita. Per quanto riguarda invece il Festival di Sanremo 2019, con la puntata andata in onda ieri sera si è delineata la griglia dei partecipanti ufficiali. Qualche ritorno importante, ex campioni e alcuni azzardi. Ecco quindi i nomi degli artisti che dal 5 al 9 febbraio si sfideranno sul palco dell’Ariston. Da Patty Pravo, giunta al suo decimo festival (l’ultima apparizione nel 2016 con Cieli immensi) a Federica Carta e Shade, passando per Daniele Silvestri, Negrita, Ex Otago, Arisa, Achille Lauro, Francesco Renga, Boomdabash, Nino D’Angelo con Livio Cori e Enrico Nigiotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA