Claudia Mazzola capo dell’Ufficio Stampa Rai/ La polemica di Anzaldi: “Un insulto con stipendio da direttore!”

La nomina Rai di Claudia Mazzola ha creato numerose polemiche, ecco le parole di Michele Anzaldi.

28.12.2018 - Valentina Gambino
Claudia Mazzola

Claudia Mazzola, prima donna nominata capo dell’Ufficio Stampa Rai, ha gettato tutti nel “panico”: per quale motivo? Una lucida osservazione dei fatti viene offerta dall’ADNKronos che in merito ci riferisce un quadro preciso della situazione. Da anni risorsa interna di Viale Mazzini, dal primo di ottobre è stata promossa a caposervizio. Successivamente, l’ad Fabrizio Salini ha voluto offrirle il ruolo di responsabile Media Office in Rai, proprio a partire dal prossimo 7 gennaio. Il grande salto in avanti della sua carriera quindi, non è assolutamente passato inosservato, specie dagli addetti ai lavori. Ed infatti, proprio secondo il segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi, la sua nomina sarebbe: “un insulto ai dipendenti e dirigenti in attesa di promozione per meriti professionali e non per lottizzazione politica”. Il deputato dem quindi, ha anche annunciato di volere presentare un esposto all’Anac e uno alla Corte dei Conti “in relazione ai tanti direttori lasciati senza incarico mentre una giornalista caposervizio viene catapultata a capo di una direzione”.

La nomina di Claudia Mazzola fa scattare la polemica in Rai

Claudia Mazzola per anni giornalista Rai, ha iniziato a lavorare nell’azienda dal 2002. Prima ha ricoperto dei ruoli a Rainews e successivamente a Rai Parlamento e Tg1. Il suo nuovo ruolo non prevede il job posting che consisterebbe, secondo l’ADNKronos in una “sorta di selezione interna per le promozioni prevista solo in caso di nomine di caporedattori di ‘line'”. Claudia Mazzola è stata scelta per i suoi ottimi rapporti con le testate nazionali e internazionali, oltre che per le sue conoscenze linguistiche, vi che parla in maniera ottimale sia inglese che il tedesco ed anche lo spagnolo. Lo scorso settembre era già stata identificata come risorsa utile dalla Direzione Comunicazione dove ha fatto il suo ingresso dopo aver lasciato il Tg1. La sua nomina, non è stata accolta positivamente e per questo motivo, il deputato del Pd e segretario della commissione di Vigilanza Rai Michele Anzaldi ha commentato su Facebook: “La Rai conferma la nomina di Claudia Mazzola, peraltro subito promossa a caposervizio un mese dopo l’arrivo dei vertici targati M5s-Lega”. “Grazie al dg nominato dal Movimento 5 stelle – spiega ancora Anzaldi – la candidata di Rousseau di Casaleggio da redattore ordinario ha fatto 3 scatti in 3 mesi: caposervizio, vice caporedattore, caporedattore ora a capo dell’ufficio stampa”. Poi l’affondo finale: “Con stipendio da direttore? Triplo salto senza precedenti, neanche ai tempi della Rai di Berlusconi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA