PAOLA TURCI/ Vittima di molestie, “Avevo 13 anni” e rivela: “Dicono di me che sono lesbica, ma…” (Belve)

Paola Turci ospite di Belve racconta di essere stata molestata all’età di 13 anni e sul suo orientamento sessuale rivela: “non sono lesbica”

28.12.2018 - Emanuele Ambrosio
paola_turci_cs_2017
Paola Turci, in uno scatto (Archivio)

Paola Turci torna in tv ospite di una nuova puntata di Belve, il programma di interviste condotto da Francesca Fagnani e trasmesso venerdì 28 dicembre in prima serata su Canale Nove. La cantante, tra i protagonisti di Sanremo 2019 dove parteciperà in gara con “L’ultimo ostacolo”, ha raccontato per la prima volta un momento davvero difficile della sua vita. La Turci ha raccontato di aver subito delle molestie quando era una ragazzina: ““Avevo 13 anni. Se io tornassi indietro e sapessi di poter andare in un centro antiviolenza, in un posto dove mi ascoltano, mi proteggono e mi difendono, ci andrei subito”. Un momento terribile, che la cantante ha poi raccontato “Fiori di giardino”, uno dei brani contenuti nel disco “Tra i fuochi in mezzo al cielo”.

Paola Turci molestata a 13 anni

La cantante di “Fatti bella per te” durante l’intervista di Belve, il programma condotto da Francesca Fagnani, ha raccontato un particolare finora inedito della sua vita. Le parole della Turci si vanno così ad aggiungere alle tantissime denunce arrivate da diverse donne del mondo dello spettacolo che hanno deciso di svuotare il sacco e raccontare le molestie subite. “Non ci può essere perdono per una persona che ha compiuto un gesto del genere. L’ho rincontrata anni dopo ma ora è morta perché era già grande. Non mi ha mai detto niente anche perché da parte di chi compie molestie c’è la rimozione” ha raccontato l’artista romana, che come un fiume in piena ha voluto anche commentare una diceria che da molti anni circola sulla sua identità sessuale.

“Dicono di me che sono lesbica…”

Paola Turci a Belve ha voluto anche affrontare una diceria che da tempo circola sul suo conto. “Dicono di me che sono lesbica e non è vero, ma non mi dispiace” precisa la voce di ” Volo così” che non nasconde di essere felice di essere una vera e propria icona per il mondo lesbo-gay. “Mi fa piacere essere una icona lesbo, però sarebbe anche il momento che i giornalisti, i media la smettessero di affibbiare la definizione ‘gay’, ‘lesbica’ a qualcuno per poi farci i titoli di copertina dei giornali” ha detto la cantante tra gli artisti in gara a Sanremo 2019. La cantante non ha nascosto poi che se fosse lesbica non avrebbe alcun tipo di problema ad uscire con la sua compagna: “Se io mi fidanzassi con una donna, andrei in giro per strada, non mi nasconderei in casa, questo è un po’ il concetto, ma purtroppo mi piacciono gli uomini”. Poi la cantante si è soffermata anche sull’amica e collega Emma Marrone che mesi fa era stata piazzata in prima pagina da un settimana di gossip con tanto di “lesbica” a caratteri cubitali: “Lei non ne ha sofferto, ma si sarà indignata per l’aspetto sociale che questa cosa rappresenta. Uno pensa che se ti dicono: ‘Lesbica’, ti offendono, questo mi dà fastidio tantissimo.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA