Tommaso Zorzi vittima di omofobia/ Il video di denuncia sui social indigna i fan: “Mi ha dato del cula*tone!”

Tommaso Zorzi sbotta sui social e chiama a raccolta i suoi fan contro un tassista reo di avergli dato del “culat*tone” solo per aver voluto pagare con carta di credito

04.12.2018 - Hedda Hopper
Tommaso Zorzi, Instagram

Tommaso Zorzi torna a far parlare di sé ma, soprattutto, del tassista che lo ha accompagnato a casa e che poi si è rivolto a lui usando termini poco gentili. La denuncia dell’ex protagonista di Riccanza e di Pechino Express arriva via social con un video di denuncia in cui non solo il giovane tagga e fare il nome del tassista ma lo fa al grido di “non tollero l’omofobia e queste cose, tolleranza zero”. Ma cosa è successo tanto da farlo adirare in questo modo? Secondo quanto racconta Tommaso Zorzi sembra che lui stesso abbia chiamato un taxi per andare dal posto di lavoro a casa e che quando è arrivato il momento di pagare ha chiesto di farlo con la carta di credito per una spesa totale di 20 euro. A quel punto il tassista si sarebbe già un po’ innervosito per questa richiesta ma solo quando Tommaso è sceso dall’auto gli ha gridato contro dandogli del “culat*tone”.

IL RACCONTO DI TOMMASO ZORZI

Tommaso Zorzi non solo si è detto infastidito per quello che è successo visto che siamo nel 2018 e certe cose non dovrebbero più accadere soprattutto solo perché lui ha voluto pagare con la carta di credito, ma ha chiamato a raccolta i fan. Il giovane rampollo ha taggato la società dei taxi facendo il nome dello stesso autista che lo ha trattato in quel modo proprio per evidenziare il fatto che non è possibile sopportare l’omofobia. I fan hanno subito raccolto l’invito e la richiesta commentando contro il tassista proprio sotto l’ultima foto della società di cui fa parte. Come andrà a finire questa storia? Tommaso Zorzi otterrà le scuse giuste e, soprattutto, la promessa che cose del genere non accadano più nemmeno ad altri ragazzi o altre persone che semplicemente salgono sul taxi sbagliato?



© RIPRODUZIONE RISERVATA